Governo

Dl Rilancio, Bellanova si commuove

Dl Rilancio, Bellanova si commuove

Teresa Bwellanova

La ministra Bellanova si commuove in diretta durante la conferenza stampa del governo per presentare il dl rilancio da 55 miliardi. “Voglio sottolineare un punto per me fondamentale, l’emersione dei rapporti di lavoro. Da oggi gli invisibili saranno meno invisibili”. Lo dice la ministra per le Politiche Agricole Teresa Bellanova in conferenza stampa a Palazzo Chigi. “Da oggi possiamo dire che lo Stato è più forte del caporalato”, aggiunge.

“Il settore agroalimentare ha una dotazione specifica: abbiamo destinato 1 miliardo e 150 milioni di euro per sostenere la filiera agricola. Gli interventi saranno finalizzati ai settori che hanno più sofferto, il florovivaismo, gli agriturismi, la filiera del vino”, ha aggiunto la ministra.

Attacca il leader della Lega, Matteo Salvini:  “Le lacrime del ministro Bellanova (Fornero 2) per i poveri immigrati, con tanti saluti ai milioni di italiani disoccupati, non commuovono nessuno”. 

Neanche la presidente di Fratelli d’Italia sembra toccata dalle lacrime del ministro Bellanova, che per Giorgia Meloni avrebbe fatto bene a commuoversi per le “centinaia, forse migliaia di italiani” che “in queste settimane hanno pianto, magari di notte, di nascosto dai loro figli, schiacciati dalla disperazione per aver perso tutto, o per timore di perdere tutto. Aspettando un aiuto che non e’ arrivato mai. Stasera il ministro Bellanova si è commossa. Ma per la regolarizzazione degli immigrati. Io sinceramente sono basita”.

Entrando nel merito dei provvedimenti, poi, Meloni chiede al presidente Conte di non “raccontarci quante risorse spendera’, ma quando arriveranno a famiglie e imprese” dato che “il Parlamento ha autorizzato il Governo a spendere in deficit 80 miliardi per fronteggiare l’emergenza”. A rilanciare l’immagine di Bellanova è invece il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, dicendosi “fiero e orgoglioso delle battaglie” portate avanti dalla ministra.

Per il vice presidente di Forza Italia, Antonio Tajani, al decreto manca tempismo e strategia: “Più che decreto rilancio quello del governo è il ‘decreto ritardo’. E poi quando arriveranno i 55 miliardi agli italiani, visto che ne sono arrivati solo 7 dei 25 di marzo? Manca una visione strategica della ripresa e un vero sostegno ai settori più in crisi”, spiega l’ex presidente del Parlamento Europeo.

Alla velocità necessaria per fare arrivare i soldi in tasca a lavoratori e famiglie si sofferma anche il segretario Pd, Nicola Zingaretti, che individua “due priorità: soldi in tasca e massima semplificazione. Gli italiani vogliono soluzioni”. Il leader dem sottolinea, poi, che “è tempo di rimettere in moto l’Italia. Sicurezza e rilancio sono le nostre parole d’ordine. Con il decreto di oggi il Governo ha messo in campo 55 miliardi per imprese, lavoratori e famiglie. Il più grande investimento sull’università, sulla salute, incentivi green, aiuti per non lasciare sole le persone e le imprese. Risorse senza precedenti nella storia della Repubblica”.

Canta vittoria il Movimento 5 Stelle che, con il ministro Luigi Di Maio, sottolinea come i 55 miliardi del decreto rappresentino “in pratica una maxi manovra. Con questi soldi daremo supporto a lavoratori, famiglie, imprese e fasce più deboli del Paese. Una cifra sostanziosa e doverosa, ma attenzione: non sarà l’ultimo intervento economico. Siamo già al lavoro per nuovi provvedimenti per rilanciare investimenti ed export. Altro importante passo per la ripartenza. Coraggio!”. 

1 risposta »

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.