Quarta serata

Sanremo 2018

Emal Meta e Fabrizio Moro con Simone Cristicchi – Non mi avete fatto niente
“Non mi avete fatto niente perchè tutto va oltre le vostre inutili guerre”. Introduzione parlata di Cristicchi contro l’odio e la guerra. Poi partono tutti e tre a cantare. 9
Annalisa con Michele Bravi – Il mondo prima di te
“Siamo montagne a picco sul mare, dal punto più alto impariamo a volare”. Veramente bello questo duetto. Bravi aggiunge qualcosa di più a questa canzone già bellissima. 8
Diodato e Roy Paci con Ghemon – Adesso
“E dici che avremo prima o poi il coraggio di vivere per davvero, Ghemon ha scritto una strofa al brano apposta per l’esibizione di questa sera che si va ad aggiungere al canto di Diodato. 7 1/2
Red Canzian con Marco Masini – Ognuno ha il suo racconto
“Non c’è mai una storia uguale all’altra. Ognuno ha un suo preciso istinto, un suo esclusivo canto”. Il duetto è meno rock della versione original, almeno nell’intro. Duetto da brividi anche questo. 7 1/2
Le Vibrazioni con Skin – Così sbagliato
“Salvami ancora da queste mani fredde e viola, Portami a casa perchè ho paura di me”. Il duetto Sarcina-Skin funziona benissimo, con quest’ultima che canta metà canzone in inglese. Per il resto è un rincorrersi di voi di uno con l’altra. 7
Noemi con Paola Turci – Non smettere mai di cercarmi
“Non smettere mai di cercarmi dentro ogni cosa che vivi, per quando verrò a trovarti in tutto quello che scrivi”. Peezo distibuito equamente. Generoso da parte della Turci aver partecipato a questo duetto; ma non mi sembra sia della vocalità giusta poer queso duetto. Serviva un’altra “vociona”.. 6 1/2
The Kolors con Tullio De Piscopo ed Enrico Nigiotti – Frida (Mai, mai, mai)
“Nessun amore è per sempre mai. Ma un fiore prima o poi arriva”. Gli ospiti suonano, quindi il pezzo in realtà non cambia rispetto alle altre serate. 6
Renzo Rubino con Serena Rossi – Custodire
“Noi non siamo mai stanchi nell’odiarci. Come abbiamo fatto ad essere qui pronti ad azzuffarci”. Serena Rossi colma il vuoto di voce che la canzone aveva con Rubino. La canzone è bella, ma cresce piano piano in una tempistica non da festival poichè troppo intima. Invece a duetto è più affascinante. 6
Ornella Vanoni con Bungaro e Pacifico con Alessandro Preziosi – Imparare ad amarsi
“Bisogna imparare ad amarsi in questa vita, imparare a lasciarsi quando è finita”. Duetto Vanoni-Preziosi più che buono; anche se la voce che prevale è quella della Vanoni. E non potrebbe essere diversamente. 6
Giovanni Caccamo con Arisa – Eterno
“Prendimi la mano e scappiamo via, lontano in un mondo senza nebbia, in un mondo senza rabbia”. La canzone non è molto diretta; ma in duetto rende di più. E Arisa è davvero un valore aggiunto. 6
Lo Stato Sociale con Paolo Rossi e il Piccolo Coro dell’Antoniano – Una vita in vacanza
“Niente nuovo che avanza. E nessuno che dice se sbagli sei fuori”. Paolo Rossi risponde al cantante dello Stato Sociale commentando; il Coro canta il ritornello. La canzone è godibile e ne guadagna. 5 1/2
Max Gazzè con Rita Marcotulli e Roberto Gatto – La leggenda di Cristalda e Pizzomunno
“Io ti resterò fedele e se fossero pochi anche altri cent’anni”. In pratica canta sempre Gazzè. Gli altri due sono jazzisti. Cambia solo l’arrangiamento. 5
Nilla Zilli con Sergio Cammariere – Senza appartenere
“Donna non si piace invece guarda quanto è bella”. Il primo minuto è di soli virtuosismi musicali di Cammariere al pianoforte. La prossima volta anche no. Grazie! 5
Decibel con Midge Ure – Lettera dal Duca
“Fuoco dentro all’anima che tutto illumina”. La canzone sembra effettivamente inglese con un pezzo aggiunto in italiano. Quindi il duetto rende più che bene. 5
Luca Barbarossa con Anna Foglietta – Passame er sale
“Se mi chiedi l’amore cos’è, io non so le parole, ma non ho altro che te”. Bel duetto, ma il punto debole resta la canzone. 4 1/2
Roby Facchinetti e Riccardo Fogli con Giusy Ferreri – Il segreto del tempo
“Il segreto del tempo è che tutto perdona a chi tutto alla vita si dà”. La Ferreri non può fare una per salvare questa canzone. Incolpevole. 4
Enzo Avitabile e Peppe Servillo con Daby Tourè e Avion Travel – Il coraggio di ogni giorno
“Io non mi sono mai sentito così vivo, non domandarmi come mai”. Questa sera si sono aggiunti solo musicisti. La canzone non cambia. 4
Elio e le Storie Tese con Neri per Caso – Arrivedorci
“Siamo al tramonto, siamo giunti ai titoli di coda di una storia unica, una bella musica”. Bel djuetto tra questi due gruppi per la canzone dell’addio degli Elii alle scene. Il problema è la canzone. 4
Ron con Alice – Almeno pensami
“Avessi il mare in una mano ce ne andiamo via fino al punto più lontano”. Bel duetto, ma la canzone è quello che è! 3 1/2
Mario Biondi con Ana Carolina e Daniel Jobim – Rivederti
“Resta forte impresso tra le pieghe del mio cuore ciò che era noi”. La versione brasiliana non rende migliore il pezzo purtroppo. 3

 

Mirkoeilcane – Stiamo tutti bene
“Mi chiamo Mario e ho sette anni, anzi sette e mezzo”. Canzone di un bimbo che soffre per l’assenza del padre e che si sforza di essere felice nonostante tutto. Poi, attraversa anche lui, assieme alla madre, il mare con un barcone. La madre, muore, poi anche lui. Ma non sono morti, dice lui, solo tantato stanchi. 8
Lorenzo Baglioni – Il congiuntivo
“Il congiuntivo ha un ruolo distintivo e si usa per eventi che non sono reali”. Canzone ironica sulla grammatica italiana. 7 1/2
Giulia Casieri – Come stai
“Tu non sei qui per me, sei qui solo per te. Non basta chiedermi come stai”. Canzone pop/rap. Bel ritmo. Bella sorpresa. 7
Mudimbi – Il mago
“Bevo il bicchiere mezzo pieno finchè mi ubriaco e poi svanisco in un sorriso come fa il mago”. Bisogna arttrezzarsi per risolvere i problemi della vita e cercare di essere ottimisti e intraprendenti. 6 1/2
Alice Caioli – Specchi rotti
“Sogno, non torno, mi perdo, mi spoglio dei dubbi, dei passi sbagliati che ho fatto”. Canzone ad effetto; ma più debole delle altre in gara. 5 1/2
Ultimo – Il ballo delle incertezze
“Per stare in pace con te stesso e col mondo devi avere sognato almeno per un secondo”. Un rap per superare una realtà difficile. Ma non è molto musicale. 5
Eva – Cosa ti salverà
“Tu prenditi cura di te e serviti di ciò che hai”. La solita coppia che si molla. 4 1/2
Leonardo Monteiro – Bianca
“Ritornerà quella stagione di qualche anno fa come la moda si trasformerà ogni ricordo che avrai nascosto”. Bianco come purezza e cancellazione degli errori fatti. 4

Michelle Hunziker
Ieri gli hanno criticato gli abiti, oggi, tra i tanti abiti che cambia si presenta con uno a mazzo di fiori. 8
PierFrancesco Favino
Molto simpatico. Presenta, balla, fa skech. Dopo questa esperienza tornerà al cinema; ma ha fatto scoprire molte sue capacità che non ci immaginavamo. 7
Claudio Baglioni
Presenta poco, fa molti duetti e qualche sheck. Uno divertente è quello con il maestro Vessicchio in cui si fa chiamare “dittatore artistico” e gli spacca la bacchetta. 6 1/2

Federica Sciarelli
Sulle note di “Tu come stai?”, la Sciarelli come voce narrante è divertentissima. Peccato che questo giochino viene fatto per la terza sera consecutiva, dopo la Leosini e la giornalista del tg1. 6
Piero Pelù
In duetto con Baglioni canta “Il tempo di morire”. Tributo a Lucio Battisti. 6
Gianna Nannini
Canta il suo singolo “Fenomenale”. Niente di che. Inoltre duetta con Baglioni in “Amore bello”. 5

 

Classifica Nuove Proposte: 1° Ultimo 2° Mirkoeilcane 3° Mudimbi 4° Bagluioni 5° Caioli 6° Eva 7° Casieri 8° Monteiro.

Premio della Cristica Mia Martini Nuove Proposte: Mirkoeilcane
Premio Sala Stampa Lucio Dalla Nuove Proposte: Alice Caioli

Classifica sala stampa Campioni
Zona blu (zona alta)
Gazzè, Barbarossa, Caccamo, Meta Moro, Ron, Vanoni Bugaro Pacifico, Diodato Paci,
Zona gialla (zona media)
Le Vibrazioni, Annalisa, The Kolors, Avitabile Servillo, Canzian, Lo Stato Sociale,
Zona rossa (zona bassa)
Decibel, Facchinetti Fogli, Noemi, Rubino, Biondi, Elio, Zilli

Premio alla Carriera a Milva: ritira la figlia Martina Corgnati.