Il presidente dei funerali di Stato

Sandro Pertini

clicca la foto per tornare all’indice

Nel periodo della sua permanenza al Colle contribuì a fare della figura del Presidente della Repubblica l’emblema dell’unità del popolo italiano. La sua statura morale contribuì al riavvicinamento dei cittadini alle istituzioni, in un momento difficile e costellato di avvenimenti delittuosi come quello degli anni di piombo. Per un certo periodo Pertini diventò infatti “il presidente dei funerali di stato”: se il funerale di Guido Rossa, davanti a 250.000 persone, diventò l’occasione per un forte attacco alle Brigate Rosse, il momento forse più cupo fu il funerale dopo la strage di Bologna. Introdusse poi il rito del “bacio alla bandiera” tricolore, che sarebbe divenuto usuale anche per i suoi successori. Tra i primi provvedimenti da capo dello Stato ci fu anche quello di concedere la grazia, nonostante il parere contrario della Procura di Trieste, all’ex-partigiano Mario Toffanin detto “Giacca”, condannato all’ergastolo nel 1954 come principale responsabile dell’eccidio di Porzûs, massacro in cui perirono diciassette partigiani cattolici della Brigata Osoppo. Nel 1979 diede l’incarico (senza successo) di formare il governo a Bettino Craxi, suscitando scalpore negli ambienti politici e preparando così il terreno per il primo governo a guida socialista della Repubblica. Pertini fu comunque il primo presidente della Repubblica a conferire l’incarico di formare il governo ad una personalità non democristiana, Giovanni Spadolini, il quale presentò il Governo Spadolini I il 28 giugno 1981.