Carcere e trasferimento per condizioni precarie di salute

Sandro Pertini

clicca la foto per tornare all’indice

Il 30 novembre 1929 fu condannato dal Tribunale Speciale per la sicurezza dello Stato a dieci anni e nove mesi di reclusione e a tre anni di vigilanza speciale, per aver «svolto all’estero attività tali da recare nocumento agl’interessi nazionali», nonché per «contraffazione di passaporto straniero». Durante il processo Pertini rifiutò di difendersi, non riconoscendo l’autorità di quel tribunale e considerandolo solo un’espressione di partito, esortando invece la corte a passare direttamente alla condanna già stabilita. Durante la pronuncia della sentenza si alzò gridando: «Abbasso il fascismo! Viva il socialismo!». Fu internato nell’ergastolo dell’isola di Santo Stefano, ma dopo poco più di un anno di detenzione, il 10 dicembre 1930, fu trasferito, a causa delle precarie condizioni di salute, alla casa penale di Turi. A causare il trasferimento non fu estranea una campagna di proteste e denunce all’estero, in particolare in Francia, dopo che alcune notizie sulla sua salute erano trapelate all’esterno, grazie ad alcuni compagni di carcere comunisti.