Assemblea Costituente

Sandro Pertini

clicca la foto per tornare all’indice

Nell’aprile del 1945 Pertini divenne segretario del PSIUP, carica che ricoprì fino all’agosto dell’anno successivo. Nelle file socialiste fu quindi eletto all’Assemblea Costituente in cui intervenne nella stesura degli articoli del Titolo I, sui rapporti civili. Appoggiò inoltre il lavoro delle commissioni di epurazione e fu subito decisamente avverso all’attuazione dell’amnistia voluta da Togliatti nei confronti dei reati politici commessi dai responsabili dei crimini fascisti; in tal senso, durante i lavori dell’assemblea, intervenne il 22 luglio 1946 con un’interrogazione parlamentare nei confronti del ministro di Grazia e Giustizia Fausto Gullo, che verteva sulle motivazioni dell’interpretazione largheggiante del provvedimento di amnistia, sull’inadempimento del governo De Gasperi nell’applicare il decreto di reintegro dei lavoratori antifascisti allontanati dal lavoro per motivi politici durante il regime, sull’emanazione di provvedimenti atti a difendere la Repubblica contro i suoi nemici. Il suo intervento si concluse con alcune parole molto dure nei confronti del provvedimento e del governo: « Ricordiamo che l’epurazione è mancata: si disse che si doveva colpire in alto e non in basso, ma praticamente non si è colpito né in alto né in basso. Vediamo ora lo spettacolo di questa amnistia che raggiunge lo scopo contrario a quello per cui era stata emanata: pensiamo, quindi, che verrà un giorno in cui dovremo vergognarci di aver combattuto contro il fascismo e costituirà colpa essere stati in carcere e al confino per questo.»