Esilio nell’Italia mussoliniana

Pietro Nenni

clicca la foto per tornare all’indice

Divenuto dirigente del PSI, lavorò per ottenere l’unità con i riformisti di Filippo Turati, ma non ottenne i risultati sperati. Ad ogni modo, si segnalò come uno dei politici più attivi del movimento socialista. Nel 1923 divenne direttore dell’Avanti, ed in questa veste confermò l’orientamento antifascista del quotidiano. Fu per questo molto inviso al regime mussoliniano (soprattutto dopo che nel 1925 aveva fondato il quotidiano Quarto Stato), tanto da essere costretto ad andare in esilio in Francia nel 1926.