L’ideologia tedesca e la costituzione di “Comitati di corrispondenza”

Karl Heinrich Marx

clicca qui per tornare all’indice

Con Engels scrive L’ideologia tedesca, un attacco alla filosofia tedesca del tempo, rappresentata da Ludwig Feuerbach, Bruno Bauer e Max Stirner, pubblicata solo nel 1932 perché, dopo l’avvenuta impossibilità di pubblicazione, il manoscritto fu abbandonato “alla rodente critica dei topi” dai due autori i quali, avendo chiarito a sé stessi i fondamenti teorici del nuovo materialismo, erano decisi ad affrontare i problemi, più urgenti e politicamente più rilevanti, della critica dell’economia e del diretto impegno nell’attività politica.

Nell’estate del 1845 Marx e Engels entrano in rapporto a Londra con l’ Associazione dei lavoratori tedeschi, emanazione legale inglese della clandestina Lega dei Giusti, società internazionale che raccoglieva adesioni soprattutto fra gli emigrati politici tedeschi. Teorico della Lega era allora Wilhelm Weitling, un sarto tedesco, autore nel 1842 delle Garanzie dell’armonia e della libertà, conosciute e apprezzate da Marx, non per il contenuto teorico, un misto di comunismo primitivo e di messianismo paleocristiano, quanto per la manifestata necessità di una organizzazione e di una conseguente azione rivoluzionaria. Per Weitling, il popolo era già pronto per una società comunista, a creare la quale bastava l’azione decisa di un pugno di rivoluzionari.

Nell’autunno del 1845, convinto della necessità di superare tanto le teorie utopistiche che i moti avventurosi, Marx propone la costituzione di “Comitati di corrispondenza” che mettano in contatto le diverse associazioni comuniste internazionali, in particolare tra Francia, Germania e Inghilterra, per definire teorie condivise e azioni rivoluzionarie comuni.