Giacobinismo

Karl Heinrich Marx

clicca qui per tornare all’indice

Alla fine dell’anno Marx scrive e dedica tre quaderni di poesie alla fidanzata, il “Buch der Lieder” (Libro dei canti) e due “Bucher der Liebe” (Libri dell’amore) che non ci sono pervenuti; è invece pervenuto un quaderno di poesie dedicato il 10 novembre 1837 al padre in occasione del suo cinquantacinquesimo compleanno, comprendenti anche 4 epigrammi su Hegel.

L’hegelismo era l’espressione culturale e filosofica allora dominante in Prussia: i sostenitori del potere assoluto ne davano un’interpretazione conservatrice ed erano per questo motivo appartenenti alla cosiddetta destra hegeliana, mentre i fautori di un rinnovamento politico e culturale in senso liberale e democratico, definiti giovani hegeliani o sinistra hegeliana, esaltavano invece gli aspetti progressivi dell’hegelismo, in particolare della dialettica, per la quale tutta la realtà, anche sociale e politica, è un continuo divenire.

Non potendo attaccare l’assolutismo monarchico, la critica dei giovani hegeliani era rivolta contro la religione ufficiale: nel 1835 David Friedrich Strauss aveva pubblicato una eterodossa Vita di Gesù, e Bruno Bauer, docente di teologia, interpretava i vangeli come un insieme di miti.

Marx si trovò così a frequentare dal 1837, nel sobborgo di Stralau, il Doktorklub, un circolo berlinese di giovani hegeliani, che passò in breve da posizioni monarchiche liberali a posizioni giacobine, assumendo il nome de Gli amici del popolo.

Prepara, dalla fine del 1838 al 1840, una Storia della filosofia epicurea, stoica e scettica come tesi per la sua laurea ma, data la vastità dell’impegno, la interrompe; così si laurea in filosofia il 15 aprile 1841 nell’Università di Jena con una tesi sulla Differenza fra la filosofia della natura di Democrito e quella di Epicuro. Di essa, vale la pena citare i passi finali della prefazione:

«La filosofia […] griderà sempre agli avversari con Epicuro: empio non è colui che nega gli dèi del volgo, ma colui che attribuisce agli dèi i sentimenti del volgo. La filosofia non fa mistero di ciò. La confessione di Prometeo: francamente, io odio tutti gli dèi è la sua propria confessione, la sentenza sua propria contro tutte le divinità celesti e terrestri che non riconoscono come suprema divinità l’autocoscienza umana. Nessuno può starle a fianco. Alle tristi lepri marzoline, che gioiscono dell’apparentemente peggiorata condizione civile della filosofia, essa replica quanto Prometeo replica al servo degli dèi Ermete: io, t’assicuro, non cambierei la mia misera sorte con la tua servitù. Molto meglio lo star qui ligio a questa rupe io stimo, che fedel messaggero esser di Giove. Prometeo è il più grande santo e martire del calendario filosofico».