Formazione e prime scritture

Karl Heinrich Marx

clicca qui per tornare all’indice

Nel 1830 si iscrive al liceo di Treviri ottenendo la licenza il 17 agosto 1835. Ci sono pervenuti i temi di greco, latino, matematica, francese, religione e tedesco; in questo, Considerazione di un giovane sulla scelta del proprio avvenire, scrive tra l’altro:”…la guida che ci deve soccorrere nella scelta d’una condizione è il bene dell’umanità, la nostra propria perfezione. Non si obietti che i due interessi potrebbero contrapporsi l’un l’altro…la natura dell’uomo è tale che egli può raggiungere la propria perfezione individuale solo agendo per il perfezionamento e il bene dell’umanità…”.

Nel 1835, su consiglio del padre, Karl si iscrive alla facoltà di giurisprudenza dell’Università di Bonn, ma antepone agli studi di diritto quelli filosofici e letterari nei corsi tenuti da Wilhelm August Schlegel. Partecipa alla vita goliardica e bohémienne, alla quale si mescolano anche forme di opposizione politica, e sostiene il duello di rito fra le matricole universitarie, trascorrendo anche un giorno in prigione; si iscrive a un circolo di poeti e comincia a sentire il peso della sorveglianza poliziesca.

Nell’estate del 1836 conosce a Treviri e si fidanza segretamente con la bella Jenny von Westphalen (1814 – 1881), figlia del barone Ludwig von Westphalen; nell’autunno, su decisione della famiglia, Marx prosegue gli studi nell’Università di Berlino, dove fino a cinque anni prima aveva insegnato Hegel, con gli autorevoli giuristi Friedrich Carl von Savigny e Eduard Gans. Il primo, appartenente alla vecchia scuola storica, conservatore, considerava il diritto una creazione dell’ anima popolare; il secondo, hegeliano e liberale, concepiva il diritto come prodotto dello sviluppo dialettico dell’ Idea e, studioso anche del Saint-Simon, era favorevole a riforme sociali che alleviassero le condizioni delle classi popolari.

Con una formazione culturale di impronta illuministica, Marx inizia a scrivere una Filosofia del diritto che tuttavia interrompe dopo un centinaio di pagine, convinto che senza un sistema filosofico non si può concludere nulla. Durante il decorso di una malattia legge tutte le opere di Hegel, ricevendone una forte impressione.