Attività di giornalista

Karl Heinrich Marx

clicca qui per tornare all’indice

La conclusione dei suoi studi universitari coincide con l’aggravarsi della repressione governativa sulla vita politica e culturale; a farne le spese, fra gli altri, è l’amico Bruno Bauer, cui è impedita l’attività accademica nell’Università di Jena. Lo stesso Marx, che pensava a una carriera universitaria, avverte l’urgenza di un diretto impegno politico. Esordisce con le Osservazioni sulle recenti istruzioni per la censura in Prussia, un articolo scritto tra il gennaio e il 10 febbraio 1842 per i “Deutsche Jahrbücher” (Annali tedeschi) di Arnold Ruge, il quale però, prudentemente, non lo pubblica: vedrà la luce soltanto il 13 febbraio 1843 negli “Anekdota zur neuesten deutschen Philosophie und Publizistik” (Aneddoti per la recente filosofia e pubblicistica tedesca).

Il debutto pubblico del Marx giornalista avviene pertanto il 5 maggio 1842 con i Dibattiti sulla libertà di stampa e sulla pubblicazione dei dibattiti alla Dieta nella Rheinische Zeitung (Gazzetta renana), quotidiano di Colonia, finanziato dalla borghesia liberale renana, in cauta opposizione al regime prussiano e gestito dal circolo radicale capeggiato da Moses Hess, soprannominato il “rabbino rosso” per le origini ebraiche e le sue idee comuniste.

Nel settembre 1842 si trasferisce da Bonn a Colonia, per dedicarsi a tempo pieno all’attività pubblicistica: nell’ottobre è redattore capo del giornale che, affermatosi come il maggior organo di opposizione, riceve l’accusa di essere comunista dalla reazionaria Gazzetta generale di Augusta a seguito di articoli di Hess che esaltavano le teorie di Fourier. Marx risponde che «la Rheinische Zeitung, che non può concedere alle idee comuniste, nella loro forma odierna, neppure attualità teoretica e quindi ancor meno desiderare o ritenere possibile la loro realizzazione pratica, sottoporrà queste idee a una critica approfondita. Ma se la Gazzetta d’Augusta pretendesse più che frasi brillanti, comprenderebbe che scritti come quelli di Leroux, Considérant e soprattutto la penetrante opera di Proudhon, non possono essere criticati con estemporanee trovate superficiali, ma solo dopo uno studio lungo, assiduo e molto approfondito».

Dal tono circospetto della risposta, s’intuisce già un interesse di non poco momento da parte di Marx per tali idee.

Marx lascia il 17 marzo 1843 la redazione del giornale, che viene soppresso dal governo il 21 marzo, «a causa della situazione in cui la censura pone il giornale»; scrive al Ruge:

«Ero stanco dell’ipocrisia, della brutalità poliziesca e anche del nostro servilismo. Il governo m’ha reso la mia libertà. In Germania non posso più intraprendere nulla: finirei col corrompermi».