Direttore del Resto del Carlino e al Corsera

Giovanni Spadolini

clicca la foto per tornare all’indice

Dopo soli due anni Giovanni Spadolini divenne direttore di un quotidiano, salendo alla guida del Resto del Carlino, ad appena 29 anni. Mantenne l’incarico per tredici anni (un periodo insolitamente lungo per il quotidiano bolognese), fino al 1968, quando, succedendo ad Alfio Russo, divenne direttore del Corriere della Sera.

Spadolini avvicinò nettamente la linea politica del giornale al centrosinistra. La sua esperienza al Corriere della Sera fu più breve della media (di solito i contratti dei direttori del Corriere duravano cinque anni) poiché si concluse con il licenziamento anticipato, nel marzo 1972.

Nel maggio di quell’anno dovevano tenersi le elezioni politiche anticipate, e Indro Montanelli suggerì a Ugo La Malfa, che gli aveva offerto un collegio senatoriale sicuro, di candidare Spadolini al suo posto. Spadolini fu eletto nelle liste del PRI come indipendente, iniziando una brillante carriera politica.