Ritorno al governo

Giovanni Giolitti

clicca qui per tornare all’indice

Il 3 novembre 1903 Giolitti ritornò al governo, ma questa volta si risolse per una svolta radicale: si oppose, come prima, alla ventata reazionaria di fine secolo, ma lo fece dalle fila della Sinistra repubblicana e non più del gruppo crispino come fino ad allora aveva fatto.

Questo cambiamento gli consentì di seguire un po’ più agevolmente quella politica che si era proposta già all’epoca del suo primo mandato: conciliare gli interessi della borghesia con quelli dell’emergente proletariato (sia agricolo che industriale); a questo proposito è notevole come Giolitti fu il primo a rivolgersi direttamente ad un “consigliere” socialista, Filippo Turati, che avrebbe voluto persino come suo ministro (quest’ultimo rifiutò in seguito alle pressioni della corrente massimalista).

In questo contesto furono varate norme a tutela del lavoro (in particolare infantile e femminile), sulla vecchiaia, sull’invalidità e sugli infortuni; i prefetti furono invitati ad usare maggiore tolleranza nei confronti degli scioperi apolitici; nelle gare d’appalto furono ammesse le cooperative cattoliche e socialiste.