Frammento di sistema ed altre opere

Georg Wilhelm Friedrich Hegel

clicca qui per tornare all’indice

Ma Cristo si è anche contrapposto al kantismo e all’ebraismo, predicando non tanto il rispetto della legge, ma l’amore. Smentendo quanto sostenuto negli scritti precedenti – del resto non destinati alla pubblicazione – ne Lo spirito del cristianesimo e il suo destino (1799) Hegel afferma la superiorità della legge morale di Gesù sulla legge kantiana del dovere, vista come un’etica ebraica interiorizzata. L’amore è superiore al dovere perché “nell’amore viene meno ogni pensiero di dovere”, il comportamento che ha per base l’amore non è più uniformato all’ubbidienza a una legge. Come l’incarnazione di Cristo è il congiungimento di umano e divino, di naturale e soprannaturale, così l’amore è la conciliazione di ciò che è separato, è l’unità degli uomini ottenuta non naturalmente ma dopo l’esperienza della separazione.

L’ultimo degli scritti teologici è il Frammento di sistema (1800), composto avendo presente i Discorsi di Schleiermacher, nei quali la religione è il sentimento di compenetrazione di finito e infinito, unione mistica di umano e divino. Ma qui il finito e l’infinito sono intesi come termini assolutamente separati, distinti, senza alcuna relazione tra loro; tuttavia il finito, in quanto vita, “ha in sé la possibilità d’innalzarsi alla vita infinita”, ha la possibilità di confluire, mediante la ragione che realizza dialetticamente l’unità dei due distinti momenti, nell’infinità della vita divina, oltre ogni distinzione e riflessione. Nel Frammento di sistema sono già introdotti alcuni termini che diverranno centrali nella filosofia hegeliana: finito, infinito, momento, dialettica, intelletto, ragione, spirito.