Da Berlino all’Europa

Georg Wilhelm Friedrich Hegel

clicca qui per tornare all’indice

Il 24 gennaio 1818 è nominato professore di filosofia nell’Università di Berlino: nella prolusione del 22 ottobre esalta lo Stato prussiano ed entra in polemica col giurista Friedrich Carl von Savigny e con il filosofo e teologo Friedrich Schleiermacher.

Il 23 marzo 1819 un membro dell’associazione studentesca radicale Burschenschaft, uccide a Mannheim il drammaturgo tedesco e spia russa August von Kotzebue. Il regime prussiano reagisce limitando ulteriormente la già scarsa libertà di stampa e d’insegnamento; Hegel, in precedenza sostenitore dell’associazione, la condanna e si affretta a rielaborare la sua Filosofia del Diritto che esce nell’ottobre del 1820.

Nel 1822 viaggia in Olanda, nel 1824 a Praga e a Vienna; nel 1825 impone al figlio illegittimo Ludwig, che gli ha rubato del denaro, di non portare più il suo cognome. Ludwig assume il cognome della madre, Fischer, e lascia la Germania: arruolato nell’esercito olandese, morirà di malaria a Giakarta il 28 agosto 1831, pochi mesi prima del padre.

Nel 1827 escono gli “Annali per la critica scientifica”, rivista dell’hegelismo, cui collaborano, tra gli altri, Goethe e i fratelli von Humboldt. Ad agosto parte per Parigi, dove è ospite dello storico e filosofo Victor Cousin. Il 18 ottobre, di ritorno a Berlino, incontra Goethe a Weimar; discutono della dialettica ed Hegel dice che essa non è altro che lo spirito di contraddizione insito in tutti gli uomini, disciplinato in regole coltivate.