La morte in esilio

Filippo Turati

clicca qui per tornare all’indice

Uomo politico italiano, fu tra i fondatori, nel 1892 a Genova, del Partito dei Lavoratori Italiani, poi Partito Socialista Italiano, du cui fu il capo riconosciuto; eletto più volte deputato (la prima volta nel giugno 1896 in un collegio di Milano), fu il fondatore e direttore di Critica Sociale (1891), benemerito e attivissimo propugnatore del miglioramento delle condizioni delle classi operaie. Fu contrario alla guerra libica del 1911-12 e all’entrata dell’Italia nella Grande Guerra. Perseguitato dal Fascismo, fu indotto dagli amici a esulare e, con una memorabile fuga organizzata dai fratelli Rosselli e da Parri, riparò in Francia, dove morì.

Monumento a Milano a Filippo Turati e Anna Kulischoff

Monumento a Milano a Filippo Turati e Anna Kuliscioff