Segretario F.G.C.I. e Federazione Mondiale della Gioventù Democratica

Enrico Berlinguer

clicca la foto per tornare all’indice

Dopo la sua scarcerazione, il padre lo portò a Salerno, luogo in cui la famiglia reale e il governo di Badoglio avevano trovato rifugio dopo l’armistizio di Cassibile fra l’Italia e gli alleati. Nella città campana il padre gli presentò Palmiro Togliatti, che era stato suo compagno di scuola. Berlinguer fece una buona impressione e perciò nel maggio del 1945 fu inviato a Milano, dove collaborò con Luigi Longo e Giancarlo Pajetta. Dopo un breve periodo come vicesegretario del PCI in Sardegna, Togliatti lo richiamò a Roma. Nel 1949 fu nominato segretario della Federazione Giovanile Comunista Italiana, carica che avrebbe mantenuto sino al 1956 e l’anno seguente divenne segretario della Federazione Mondiale della Gioventù Democratica, un’associazione internazionale di giovani marxisti. Durante l’esperienza come segretario della FGCI non si allontanò mai dall’impostazione filosovietica e stalinista che era prevalente nel PCI e che costituiva il fondamento della politica di Togliatti. In occasione della morte di Stalin, per esempio, pronunciò un discorso pieno di elogi nei confronti del dittatore. In questa veste Berlinguer visitò, insieme a Nerio Nesi, l’Unione Sovietica, ma nel 1957 abolì l’obbligatorietà di tale visita (comprendente anche corsi di formazione politica), sin allora (anche solo ufficiosamente) passaggio necessario di tutti i dirigenti che intendessero far carriera nel partito. Nel 1956 fu favorevole all’invasione sovietica dell’Ungheria, coerentemente alla politica di tutto il Partito Comunista. Il 29 settembre 1957 sposò a Roma Letizia Laurenti, da cui ebbe quattro figli: Bianca Maria (Roma, 9 dicembre 1959), Maria Stella (Roma, 16 novembre 1961), Marco (Roma, 7 gennaio 1963) e Laura (Roma, 6 maggio 1970).