Rapporti con la sinistra extra-parlamentare

Enrico Berlinguer

clicca la foto per tornare all’indice

Nel febbraio 1977 fu Ugo La Malfa a dichiarare per primo, pubblicamente, la necessità di un governo di emergenza comprendente i comunisti, ma la proposta fallì per il dissenso democristiano e socialdemocratico. Sempre in febbraio, Berlinguer, durante un dibattito televisivo, discutendo sull’autonomia del Pci ed i legami con gli altri partiti comunisti dichiarava: “Non vedo perché dovremmo troncare questi rapporti né perché questa rottura dovrebbe essere considerata, da chi non saprei, prova del carattere democratico del nostro partito”. Nell’aprile successivo, l’ambasciatore statunitense Gardner incontrò Eugenio Scalfari, il quale gli avrebbe confidato la sua impressione che “soltanto quando Berlinguer assumerà il controllo della polizia ci sarà pace civile in Italia”; Gardner raccontò poi di analoghe indicazioni ricevute da Leopoldo Pirelli ed altri esponenti del mondo economico, mentre Giulio Andreotti gli avrebbe dichiarato che credeva nella sincerità della svolta occidentalista della dirigenza comunista, ma nutriva dubbi sul sostegno a questa svolta da parte della base del partito. Nonostante la grande avanzata del P.C.I. nelle elezioni del 1976, non erano seguite riforme o almeno segnali di cambio di rotta da parte della classe politica e soprattutto del governo. La stessa sinistra extraparlamentare era interessata da grandissime crisi al suo interno, come risultato alcune formazioni politiche, come Lotta Continua si sciolsero. Nel 1977 scoppiò la rivolta chiamata del Movimento del ’77 che nacque all’interno delle università, ma che ben presto si allargò alla società civile, in conflitto con il vecchio modo di fare politica, portando nuove istanze di riscatto sociale e di liberazione. Alla nuda e cruda lotta di classe, che ormai non era più esauriente si proponevano le lotte per i diritti civili, diritti umani, dalla lotta contro l’autoritarismo, a quelle del movimento di liberazione omosessuale e l’antiproibizionismo, ecc. Questo movimento fu avversato apertamente dal P.C.I. e da una parte dei sindacati, non si cercò un dialogo con il movimento; si privilegiò lo scontro con l’ala violenta, che tuttavia rappresentava una minoranza all’interno del movimento, e non si diede ascolto alle numerose e innovative istanze che questo propugnava.