Pci tra isolamento e anni di piombo

Enrico Berlinguer

clicca la foto per tornare all’indice

Il programma seguito dal sempre più dinamico segretario intendeva aprire al partito strade nuove per allargare il consenso. L’ampio seguito elettorale non era infatti, da sé, sufficiente a consentire che il PCI potesse, con la necessaria autorevolezza, contribuire alla vita democratica del Paese; vi erano diversi motivi di esclusione, che il segretario si propose di abbattere. I comunisti, scomunicati da Papa Pacelli dopo le elezioni politiche del 1948, cercavano intanto di uscire da un isolamento ideologico che nel propugnare idee di tutela del ceto proletario, e nel volerne rappresentare gli interessi, li aveva in pratica relegati a questa sola funzione politica. Sostenitori inoltre della dottrina marxista (come, peraltro, sempre meno visibilmente erano gli altri movimenti della sinistra, da tempo in verità assai occupati a diluirne le asperità), erano fisiologicamente invisi all’elettorato cattolico come a quello dei ceti più elevati e le vicinanze “pre-strappo” con la Russia, avversaria del Patto Atlantico nella guerra fredda, destavano più di un’inquietudine fra coloro che ne sostenevano la fazione occidentale. Con sagace scelta di tempi, Berlinguer rese di pubblica notorietà una sua privata corrispondenza con il vescovo di Ivrea, Mons. Luigi Bettazzi, che avrebbe dovuto testimoniare della “possibilità” di un dialogo intellettuale e sociale (e poi, certo, anche politico) fra cattolici e comunisti. Al contempo, però, montavano le tragiche proporzioni del terrorismo, che cresceva di “qualità” e di quantità di vittime, all’inizio di un periodo che sarebbe poi stato definito degli “anni di piombo”. In una prima fase il Partito Comunista non si accorse della drammatica importanza del fenomeno e assunse un atteggiamento ambiguo e assolutorio nei confronti dei terroristi, di cui addirittura veniva negata l’esistenza. Il quotidiano l’Unità ad esempio, che era l’organo di stampa ufficiale del Partito Comunista, fece proprie le tesi della propaganda vicina ai gruppi terroristici in varie occasioni: la morte di Giangiacomo Feltrinelli, che fu attribuita ad un presunto complotto; l’assassinio dei militanti dell’MSI Mazzola e Giralucci a Padova, che fu attribuito a presunte faide interne tra gruppi neofascisti invece che alle Brigate Rosse, e così via. In seguito il Partito Comunista assunse una posizione sempre più netta di distanza dalle Brigate Rosse e di adesione alla “linea della fermezza”, specie a partire dal momento in cui alcuni militanti comunisti o di simpatie comuniste divennero bersagli delle formazioni terroristiche di estrema sinistra.