Diatriba con Bobbio sullo squadrismo di sinistra

Enrico Berlinguer

clicca la foto per tornare all’indice

Nel settembre 1977, nel pieno degli scontri di Bologna che avvennero in quel mese, Berlinguer accusò gli autonomi e parte dei movimenti giovanili di “essere fascisti”. A quest’affermazione rispose Norberto Bobbio sulle pagine della Stampa, affermando che: “l’accusa generalizzata di fascismo a tutti i movimenti alla sinistra del partito comunista è storicamente scorretta”. Berlinguer, con una lettera inviata allo stesso giornale e pubblicata il giorno seguente, ribatté che le persone aventi “come bersaglio principale il movimento operaio e il Pci” erano per lui “lucidi organizzatori di un nuovo squadrismo” e “non sono definibili con altro termine se non quello di nuovi fascisti”. Nell’ottobre 1977, Berlinguer, proseguendo le manovre per raggiungere il compromesso storico, cercando di dissipare le paure dei cattolici italiani, apre un dialogo con l’ allora vescovo di Ivrea Luigi Bettazzi, tramite la pubblicazione sulla rivista Rinascita, di lettere scambiatisi in cui afferma di volere “realizzare una società che, senza essere cristiana, cioè legata integralisticamente a un dato ideologico, si organizzi in maniera tale da essere sempre più aperta e accogliente verso i valori cristiani”; le lettere sono pubblicate sotto il titolo comune significativo di “Comunisti e cattolici: chiarezza di principi e base di un’intesa”.