Alleanza con il Pcc a scapito del Pcus

Enrico Berlinguer

clicca la foto per tornare all’indice

Si è variamente interpretato questo viaggio di Berlinguer, ed oltre al prevedibile, ma labile, sospetto che potesse trattarsi di manovrina a fini elettorali nazionali, si avanzò l’insinuazione che il partito italiano ambisse ad una posizione più centrale nell’internazionale comunista. Si sostenne in pratica che Berlinguer considerasse plausibile (ed alla sua portata) proporsi come principale esponente dei partiti “non allineati”, formazioni in genere provenienti da regimi comunisti per qualche ragione in dissidio con l’URSS; secondo i malevoli Berlinguer avrebbe inteso strappare l’egemonia dell’Internazionale al PCUS (quantunque la posizione di supremazia sovietica non fosse solo basata sul prestigio della primogenitura, ma anche, più concretamente, sul supporto economico e militare, che per alcuni dei paesi satelliti era più che vitale – e malgrado talune posizioni degli eurocomunisti andassero nel senso di deprivare di significato l’Internazionale). La frattura (o meglio il suo aggravio) sarebbe servita, secondo questa visione, a provare la possibilità concreta di rompere il vincolo di dipendenza con il PCUS; il progetto di alleanza con le forze marxiste asiatiche (cinesi in testa) avrebbe potuto, in questo senso, spostare l’asse intorno al quale si aggregavano i comunisti di tutti i paesi, alternativamente verso l’eclettico e raffinato PCI, ovvero verso il radicale e concreto PCC (Partito Comunista Cinese).