Vita da carcerato

Antonio Gramsci

clicca qui per tornare all’indice

Gramsci teneva, durante l’ora d’aria, dei “colloqui-lezioni” con i compagni di partito: non esistono dirette testimonianze delle opinioni espresse da Gramsci riguardo la «svolta» politica del movimento comunista, ma può costituire un indiretto riferimento un rapporto che un suo compagno di carcere, Athos Lisa, amnistiato nel 1933, inviò subito al Centro estero comunista. Secondo quella relazione, Gramsci riferì la teoria della necessità dell’alleanza fra operai del Nord e contadini meridionali che già stava elaborando nei suoi Quaderni: «L’azione per la conquista degli alleati diviene per il proletariato cosa estremamente delicata e difficile. D’altra parte, senza la conquista di questi alleati, è precluso al proletariato ogni serio movimento rivoluzionario». Qui s’intende che il proletariato – la classe operaia – debba allearsi con i contadini e la piccola borghesia: «Se si tiene conto delle particolari condizioni nei limiti delle quali va visto il grado di sviluppo politico degli strati contadini e piccoli borghesi in Italia, è facile comprendere come la conquista di questi strati sociali comporti per il partito una particolare azione [ … ]»

«La lotta per la conquista diretta del potere è un passo al quale questi strati sociali potranno solo accedere per gradi [ … ] il primo passo attraverso il quale bisogna condurre questi strati sociali è quello che li porti a pronunciarsi sul problema istituzionale e costituzionale. L’inutilità della Corona è ormai compresa da tutti i lavoratori [ … ] a questo obiettivo deve improntarsi la tattica del partito senza tema di apparire poco rivoluzionario. Deve fare sua prima degli altri partiti in lotta contro il fascismo la parola d’ordine della Costituente». Ma l’azione del partito «deve essere intesa a svalutare tutti i programmi di riforma pacifica dimostrando alla classe lavoratrice come la sola soluzione possibile in Italia risieda nella rivoluzione proletaria».