Psi tra riformisti e comunisti

Antonio Gramsci

clicca qui per tornare all’indice

La risoluzione dell’Internazionale comunista che chiedeva ai partiti socialisti l’allontanamento dei riformisti, venne disattesa dal Partito Socialista Italiano. Infatti, a dispetto dell’approvazione e dell’avallo ottenuto dagli ordinovisti da parte di Lenin nel corso del II Congresso dell’Internazionale, alla quale il PSI aveva aderito con il congresso di Bologna tenuto nell’ottobre del 1919, i vecchi dirigenti del partito erano riluttanti di fronte alla svolta politica e sociale realizzatasi nel dopoguerra.

In Italia, la rivendicazioni salariali, rese necessarie dall’elevato indice d’inflazione, non trovavano accoglienza presso gli industriali. Il 30 agosto 1920, a Milano, a seguito della serrata dell’Alfa Romeo, 300 fabbriche furono occupate dagli operai: la FIOM appoggiò l’iniziativa, ordinando l’occupazione di tutte le fabbriche metalmeccaniche d’Italia, con la speranza che una tale, estrema iniziativa provocasse l’intervento del governo a favore di una soluzione delle trattative. All’inizio di settembre tutte le maggiori fabbriche d’Italia erano occupate da mezzo milione di operai, parte dei quali armati, sia pure in modo rudimentale; alla FIAT di Torino, tuttavia, ci fu una novità: dell’ufficio di Giovanni Agnelli prese possesso l’operaio comunista Giovanni Parodi e i Consigli di fabbrica decisero di continuare la produzione, per dimostrare che una grande fabbrica poteva funzionare anche in assenza del proprietario.

Di fronte alla neutralità del governo Giolitti e alla decisione della Confindustria di non cedere, il 10 settembre, nell’assemblea milanese che vide riuniti i dirigenti del Partito socialista e della Camera del Lavoro, questi ultimi si dimisero lasciando la gestione della difficile situazione al Partito, che tuttavia non aveva alcuna intenzione di prolungare l’agitazione: la proposta estrema dell’allargamento delle occupazioni a tutte le fabbriche del paese e alle campagne fu respinta dalla maggioranza dei rappresentanti. Un accordo salariale raggiunto con la mediazione di Giolitti pose termine, alla fine di settembre, alle occupazioni delle fabbriche.