Movimentismo sindacale

Antonio Gramsci

clicca qui per tornare all’indice

Diversamente dalle Commissioni interne, già esistenti all’interno dalle fabbriche, che venivano elette soltanto dagli operai iscritti ai diversi sindacati, i Consigli dovevano essere eletti indistintamente da tutti gli operai e avrebbero dovuto, nel progetto degli ordinovisti, non tanto occuparsi dei consueti problemi sindacali, ma porsi problemi politici, fino al problema della stessa organizzazione, della gestione operaia della fabbrica, sostituendosi al capitalista: nel settembre 1919, alla FIAT furono eletti i primi Consigli.

La Confindustria, nella sua Conferenza nazionale del marzo 1920, espresse chiaramente «la necessità che la borghesia del lavoro attinga in se stessa [ … ] il mezzo per un’energica azione contro deviazioni e illusioni». [33] e il 20 marzo i tre maggiori industriali torinesi, Olivetti, De Benedetti e Agnelli fecero presente al prefetto Taddei la loro volontà di ricorrere all’arma della serrata delle fabbriche contro «l’indisciplina e le continue esorbitanti pretese degli operai»

Così quando, in occasione di una controversia sindacale nelle Industrie Metallurgiche, tre membri delle commissioni interne furono licenziati e gli operai protestarono con lo sciopero, l’Associazione degli industriali metalmeccanici rispose il 29 marzo con la serrata di tutte le fabbriche torinesi. La lotta si estese fino allo sciopero generale proclamato a Torino il 15 aprile e in alcune province piemontesi, mentre il governo presidiava il capoluogo con migliaia di soldati. I tentativi degli ordinovisti di allargare la protesta, se non in tutta l’Italia, almeno nei maggiori centri industriali del paese, fallì e alla fine d’aprile gli operai furono costretti a riprendere il lavoro senza avere ottenuto nulla.

Lo sciopero fallì per la resistenza degli industriali ma anche per l’isolamento in cui la Camera del Lavoro, controllata dai socialisti riformisti, contrari alla costituzione dei Consigli operai, e lo stesso Partito socialista lasciarono i lavoratori torinesi; l’8 maggio Gramsci pubblicò sull’ Ordine Nuovo una sua relazione, approvata dalla Federazione torinese, che denunciava l’inefficienza e l’inerzia del Partito. Dopo aver sostenuto che era matura la trasformazione dell’«ordine attuale di produzione e di distribuzione» in un nuovo ordine che desse «alla classe degli operai industriali e agricoli il potere di iniziativa nella produzione», alla quale si opponevano gli industriali e i proprietari terrieri, appoggiati dallo Stato, Gramsci rilevava che «le forze operaie e contadine mancano di coordinamento e di concentrazione rivoluzionaria perché gli organismi direttivi del Partito socialista hanno rivelato di non comprendere assolutamente nulla della fase di sviluppo che la storia nazionale e internazionale attraversa nell’attuale periodo [ … ] il Partito socialista assiste da spettatore allo svolgersi degli eventi, non ha mai un’opinione sua da esprimere [ … ] non lancia parole d’ordine che possano essere raccolte dalle masse, dare un indirizzo generale, unificare e concentrare l’azione rivoluzionaria [ … ] il Partito socialista è rimasto, anche dopo il Congresso di Bologna, un mero partito parlamentare, che si mantiene immobile entro i limiti angusti della democrazia borghese [ … ]».