La fine degli studi

Antonio Gramsci

clicca qui per tornare all’indice

Prese anche lezioni private di filosofia dal professore Annibale Pastore, il quale scrisse poi che «il suo orientamento era originalmente crociano ma già mordeva il freno e non sapeva ancora come e perché staccarsi [ … ] voleva rendersi conto del processo formativo della cultura agli scopi della rivoluzione [ … ] come fa il pensare a far agire [ … ] come le idee diventano forze pratiche». Gramsci stesso scriverà di aver sentito anche la necessità di «superare un modo di vivere e di pensare arretrato, come quello che era proprio di un sardo del principio del secolo, per appropriarsi un modo di vivere e di pensare non più regionale e da villaggio, ma nazionale» ma anche «di provocare nella classe operaia il superamento di quel provincialismo alla rovescia della palla di piombo [come il Sud Italia era generalmente considerato nel Nord] che aveva le sue profonde radici nella tradizione riformistica e corporativa del movimento socialista». L’iscrizione al partito gli permise di superare in parte un lungo periodo di solitudine: ora frequentava i giovani compagni di partito, fra i quali erano Tasca, Togliatti, Terracini: «uscivamo spesso dalle riunioni di partito [ … ] mentre gli ultimi nottambuli si fermavano a sogguardarci [ … ] continuavamo le nostre discussioni, intramezzandole di propositi feroci, di scroscianti risate, di galoppate nel regno dell’impossibile e del sogno». Nell’Italia che ha dichiarato la propria neutralità nella Prima guerra mondiale in corso – neutralità affermata anche dal Partito socialista – scrive [20] per la prima volta sul settimanale socialista torinese Il Grido del popolo, il 31 ottobre 1914, l’articolo Neutralità attiva e operante in risposta a quello apparso il 18 ottobre sull’«Avanti!» di Mussolini Dalla neutralità assoluta alla neutralità attiva e operante, senza però poter comprendere quale svolta politica stesse preparando l’allora importante e popolare esponente socialista. Sostenne il 13 aprile 1915 quello che sarà, senza che lo sapesse ancora, il suo ultimo esame all’Università; il suo impegno politico si fece crescente con l’entrata in guerra dell’Italia e con il suo ingresso nella redazione torinese dell’«Avanti!».