In esilio con Gramsci

Amadeo Bordiga

clicca qui per tornare all’indice

Gramsci ammetteva di non accettare tutto del marxismo e di maturare lentamente, tanto che rispose a tono: “Preferiremo sempre quelli che imparano lentamente capitoli del marxismo a quelli che li dimenticano”. Ma ancora nel 1926, in margine al Congresso di Lione, quando ormai la Sinistra era liquidata, a una precisa affermazione di Bordiga, che ormai considerava un avversario da rimuovere, rispose: “Dò atto alla sinistra di avere finalmente acquisita e condivisa la sua tesi, che l’aderire al comunismo non comporta solo aderire ad una dottrina economica e storica e ad una azione politica, ma una visione ben definita, e distinta da tutte le altre, dell’intero sistema dell’universo anche materiale”. Al confino insieme per qualche tempo a Ustica alla fine del 1926, Bordiga e Gramsci organizzarono una “scuola di partito” per prigionieri dove nessuna “materia” era esclusa. Di comune accordo, tenevano a turno “lezioni” in cui l’uno esponeva la materia secondo le tesi dell’altro, scherzando alla fine sul confronto delle eventuali manchevolezze di ognuno