Europa

Polonia. Lukashenko manda i migranti a sfondare il confine. Putin sta a guardare

Polonia. Lukashenko manda i migranti a sfondare il confine. Putin sta a guardare

Polonia. Lukashenko manda i migranti a sfondare il confine. Putin sta a guardare

“La Bielorussia, con il suo autocrate Aleksandr Lukashenko, vuole deliberatamente destabilizzare l’Unione Europea e per farlo si serve di migliaia di migranti che sono stati attratti in Bielorussia con l’inganno e la promessa di un transito verso l’Europa occidentale”. La reazione della Commissione e delle altre Istituzioni europee dopo lo sfondamento di un tratto di frontiera tra Polonia e Bielorussia ad opera di un gruppo di migranti, è stata concorde con quella espressa dal premier polacco Mateusz Morawiecki che ha anche accusato direttamente il Cremlino di tirare i fili di Lukashenko. Ci sono due ipotesi sul livello di coinvolgimento russo: o Putin, che ha sempre sostenuto il leader bielorusso, sta dirigendo attivamente Lukashenko nel tentativo di destabilizzare l’UE; o sta semplicemente in disparte permettendo al dittatore bielorusso di utilizzare i migranti contro l’Unione europea senza usare la propria influenza per fermarlo. Direttamente, o attraverso Minsk, la Russia starebbe cercando di mettere alla prova la tenuta dell’Unione europea. Ora la risposta più immediata dell’Unione Ealla crisi è un nuovo pacchetto di sanzioni. L’obiettivo è quello di penalizzare le compagnie aeree e i funzionari che aiutano a spostare le persone dai loro paesi d’origine ai confini del blocco. Questo pacchetto di sanzioni, il quinto della serie di provvedimenti dell’UE contro la Bielorussia, potrebbero essere approvate già lunedì prossimo. E oggi il Consiglio di Sicurezza dell’Onu terrà oggi una riunione di emergenza sulla situazione dei migranti al confine tra Polonia e Bielorussia Da Varsavia, il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha ipotizzato un’altra risposta dell’UE: la costruzione di un muro. Durante una conferenza stampa con Morawiecki, Michel ha detto che il Consiglio ha concluso che, legalmente parlando, l’UE potrebbe finanziare le barriere di confine. Dichiarazioni sorprendenti, perché storicamente l’UE ha sempre respinto l’idea di muri di confine, che sono diventati invece il mantra dei governi sovranisti dell’est europeo. La cronaca della giornata La Polonia ha annunciato di aver arrestato oltre 50 migranti al confine.”La polizia ha arrestato più di 50 persone vicino a Bialowieza dopo che avevano attraversato illegalmente la frontiera”, ha dichiarato all’Afp Tomasz Krupa, portavoce della polizia regionale. In mattinata il ministro della Difesa polacco, Mariusz Baszczak, aveva reso noto che erano stati fatti molti tentativi di violare il confine con la Bielorussia nella notte. “Non è stata una notte tranquilla. Ci sono stati molti tentativi di rompere la linea, ma tutti coloro che l’hanno attraversata sono stati arrestati”, ha detto il ministro. “Voglio comunque rassicurarvi – ha aggiunto- che ci sono già 15mila uomini alla frontiera, soldati dell’esercito polacco. Il numero è stato aumentato e naturalmente, può essere aumentato ancora di piu’ se necessario”.    Morawiecki: “Bloccare voli e sanzionare Bielorussia” E’ necessario intervenire con azioni concrete: dobbiamo bloccare i voli dal Medioriente per la Bielorussia e concordare nuove sanzioni contro il regime di Alexandr Lukashenko”. Lo ha dichiarato il premier polacco, Mateusz Morawiecki, in conferenza stampa congiunta con il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel. “Cio’ che stiamo affrontando in questo momento, e lo dobbiamo dire chiaramente, è una manifestazione del terrorismo di Stato” ha detto Morawiecki. “Gli eventi degli ultimi giorni sono un test per la Polonia e per l’Ue. Ci rendiamo conto che il rischio può aumentare e la situazione può deteriorarsi. Dobbiamo dover affrontare nuovi metodi di provocazione da parte di Lukashenko e dei suoi collaboratori”, ha spiegato il premier. Michel: “Ue può finanziare protezione confini” “E’ legalmente possibile, nell’ambito del quadro legale attuale, finanziare infrastrutture per la protezione dei confini dell’Ue”. Lo ha dichiarato il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, rispondendo a una domanda sulla possibilità di costruire muri e recinzioni con fondi europei. “La decisione dev’essere presa dalla Commissione. Vedremo quale sarà il dibattito che già c’è stato durante l’ultimo Consiglio europeo”, ha spiegato. “La mia impressione è che dobbiamo chiarire cosa sia possibile e cosa no. Anche in Lituania hanno 600-700 km con Bielorussia e proteggere quei confini nazionali vuol dire proteggere confini dell’Ue”, ha insistito Michel. Von der Leyen, in arrivo sanzioni da Ue e Usa “Estenderemo le nostre sanzioni contro la Bielorussia all’inizio della prossima settimana e gli Stati Uniti prepareranno sanzioni che saranno in vigore da inizio dicembre”. Lo ha dichiarato la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, in un breve punto stampa al termine dell’incontro a Washington con il presidente americano, Joe Biden.

“E’ importante che il regime di Lukashenko capisca che pagherà per il suo comportamento”, ha aggiunto la presidente riferendosi all’arrivo di migranti spinti da Minsk verso il confine con l’Ue. Con il presidente Usa Joe Biden “abbiamo concordato che guarderemo alle possibilità di sanzionare quelle compagnie aeree che facilitano il traffico di esseri umani verso Minsk e il confine tra Bielorussia e l’Ue”, ha precisato la presidente.  Intesa Ue, sanzioni a chi traffica migranti Gli Stati membri dell’Ue hanno trovato un accordo di massima per allargare la cornice legale delle sanzioni contro la Bielorussia a chi favorisce il traffico illegale dei migranti verso l’Unione europea. da fonti diplomatiche europee. Il quadro dovrà ora essere riempito con una nuova lista di nomi ed entità. Se ne discute oggi alla riunione degli ambasciatori dei 27. Il lavoro da domani passerà in carico al Coest (il gruppo di lavoro che si occupa di Europa orientale e Asia centrale). La base di partenza per la discussione prevede l’iscrizione sulla black list di 29 individui e della compagnia aerea Belavia. Minsk accusa Occidente: “Crisi per imporre sanzioni” La Bielorussia accusa l’Occidente di “provocare” la crisi migratoria al confine con la Polonia per imporre nuove sanzioni. Inoltre Minsk ha accusato le forze  polacche di aver picchiato alcuni migranti, nello specifico quattro  persone di etnia curda, che tentavano di entrare nell’Ue, mentre  aumentano le critiche nei confronti di Minsk per la  “strumentalizzazione” dei migranti bloccati al confine.     I quattro “sono stati arrestati in Polonia dove avevano cercato di  chiedere protezione e status di rifugiato”, ha dichiarato in una nota  il servizio delle guardie di frontiera bielorusse, diffondendo  immagini che mostrano quattro uomini, alcuni con vestiti insanguinati  e uno con tagli sulle mani, che si coprivano il viso.  “A giudicare dalle numerose ferite sui corpi dei migranti, le forze di sicurezza polacche hanno maltrattato le persone e, usando la forza, le hanno spinte oltre una recinzione di filo spinato al confine con la  Bielorussia”, si afferma nella nota. Cremlino respinge le accuse della Polonia, inaccettabili Il Cremlino respinge le accuse del primo ministro polacco, Mateusz Morawiecki, che ritiene ci sia Mosca dietro la crisi migratoria al confine con la Bielorussia. “Consideriamo del tutto irresponsabili e inaccettabili le dichiarazioni del primo ministro polacco secondo cui la Russia è responsabile di questa situazione”, ha dichiarato il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, in una conferenza stampa. Merkel chiede a Putin di intervenire su Minsk Angela Merkel ha avuto una telefonata con il presidente russo Vladimir Putin sulla situazione ai confini fra Polonia e Bielorussia. Nel colloquio la cancelliera ha chiesto a Putin di intervenire ed esercitare la sua influenza su Aleksandr Lukashenko, definendo “disumana e del tutto inaccettabile” la “strumentalizzazione” dei migranti in atto. Lo riferisce in una nota il portavoce Steffen Seibert. Germania chiede nuove sanzioni contro Bielorussia Intanto la Germania è tornata a sollecitare nuove sanzioni dell’Unione Europea contro la Bielorussia, il cui presidente Alexander Lukashenko sfrutta “senza scrupoli” i migranti mandandoli al confine con la Polonia. Lo ha detto il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas.  “Sanzioneremo tutti coloro che sono coinvolti nel traffico mirato di migranti”, ha annunciato Maas secondo il quale l’UE lavorerà per “estendere e rafforzare le sanzioni contro il regime di Lukashenko”.    “L’Unione Europea non può essere ricattata”, ha aggiunto Maas. Cei: “Migranti usati per interessi politici” “La situazione dei migranti assembrati al  confine tra Bielorussia e Polonia ha del paradossale. Dall’una e  dall’altra parte si usano i migranti per interessi politici”. Lo  denuncia senza mezzi termini mons. Giancarlo Perego,  presidente della Commissione per le Migrazioni della Conferenza  Episcopale Italiana e della Fondazione Migrantes. “Nessuno parla di  chi siano queste persone migranti, il loro volto, la loro storia. E  certo – osserva il presule – che da entrambi le parti c’è solo un  rifiuto o uno sfruttamento. Ancora una volta i migranti sono  le sole  vittime”.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.