Lgbt

Cina, la comunità lgbt si manifesta

Cina, la comunità lgbt si manifesta

La comunità LGBTQ+ cinese sta cogliendo un’opportunità unica nel decennio: essere contata con il lancio del censimento del governo nazionale.

Più di sette milioni di persone stanno andando porta a porta in Cina questo mese con l’obiettivo di rilevare il cambiamento demografico tra i suoi 1,4 miliardi di abitanti. L’LGBTQ+ Rights Advocacy China, con sede a Guangzhou, chiede alle coppie dello stesso sesso di dichiarare lo status della loro relazione. La campagna, con lo slogan “Non è il mio coinquilino, è il mio compagno“, mira a far sì che i politici cinesi prestino attenzione alla propria comunità. 

“In generale, la comunità LGBTQ+ in Cina è invisibile in termini di politica e di vita sociale. Speriamo che attraverso ciò il governo consideri le esigenze della comunità LGBTQ+ come parte della popolazione cinese quando farà scelte politiche in futuro”, ha detto Peng Yanhui, direttore del gruppo che guida lo sforzo. “Attraverso il censimento questa comunità può essere resa visibile”.

Quando gli addetti al censimento di Guangzhou sono arrivati alla porta di Ah Qiang, un attivista LGBTQ+, l’intervistatore ha segnato “altro” in virtù del “rapporto con il capofamiglia” di Ah Qiang. In uno spazio del modulo, l’addetto al censimento ha scritto a mano “coppia”.

Anche se Ah Qiang è un po’ contrariata dall’etichettare la persona più importante della sua vita come “altro”, è felice di aver risposto onestamente. “Ci è voluto molto coraggio e spero che anche gli altri possano parlare con orgoglio invece di nascondersi”.

Le coppie dello stesso sesso in Cina spesso offuscano lo stato delle loro relazioni con gli altri descrivendo i loro partner come coinquilini. Secondo un’indagine dell’UNDP del 2016, solo il 5% delle oltre 28.000 persone intervistate aveva frequentato qualcuno al di fuori della propria famiglia, e meno del 15% lo aveva mai detto alle proprie famiglie.

La Cina ha depenalizzato l’omosessualità nel 1997 e nel 2001 è stata cancellata dalla lista ufficiale dei disturbi psichiatrici. La Cina non riconosce ancora i matrimoni tra persone dello stesso sesso, e l’anno scorso un portavoce della Commissione Affari Legali cinese ha detto che questa regola è in linea con il suo “status nazionale e con le sue tradizioni storiche e culturali”.

L’anno scorso Weibo (un ibrido fra Twitter e Facebook che è uno dei siti più frequentati della Cina) ha dato un giro di vite su qualsiasi contenuto LGBTQ+, e l’anno precedente il sito di e-commerce Taobao ha rimosso i prodotti a tema rainbow. Dalla fine del 2015, i contenuti relativi all’omosessualità sono stati banditi dai programmi televisivi cinesi.

Ma nel frattempo il pubblico cinese è diventato più favorevole ai diritti LGBTQ+. La legalizzazione del matrimonio tra persone dello stesso sesso è stata una delle principali richieste di modifica del codice civile cinese, approvata all’inizio di quest’anno. In un sondaggio online condotto dalla società di media locali Ifeng, oltre il 67% dei circa 10 milioni di persone online ha dichiarato di sostenere la legalizzazione del matrimonio tra persone dello stesso sesso.

La campagna “non è il mio coinquilino, è il mio compagno” ha guadagnato slancio nei social media, dove decine di utenti di Internet hanno lasciato commenti promettendo di dichiarare il loro status nel censimento. “Solo dopo aver parlato possiamo essere visti”, hanno detto in molti, sotto un post WeChat del gruppo di sostegno LGBTQ+.

“Ho deciso di cogliere l’occasione di questo censimento unico nel suo genere nel decennio e dire con coraggio che vivo con la mia ragazza”, ha scritto una ragazza.

Non è chiaro se i dati dei loro sforzi saranno utili per il censimento. L’ufficio statistico cinese ha detto a Reuters che non verranno registrate ulteriori informazioni oltre alle risposte predefinite per la categoria “relazione con il capofamiglia”.

Eppure, coloro che sono stati contati nel censimento sentono di aver ottenuto qualcosa. Lauren, 26 anni, ragazza che lavora per un’azienda tecnologica a Shanghai e vive con la fidanzata, ha detto: “All’inizio non me la sentivo di parlare quando sono arrivati gli addetti al censimento. Ma ora, guardando indietro, penso di essere stato piuttosto coraggiosa.

Categorie:Lgbt, Mondo

Con tag:,

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.