Mondo

Coronavirus mondo, più di un milione di guariti. Oltre 3,2 milioni di contagiati

Più di un milione di persone al mondo è guarita ed ha sconfitto il Coronavirus. Ma la battaglia è ancora lunga con 3.257.660 i casi totali, e i decessi saliti a  233.429, secondo gli ultimi dati della Johns Hopkins University. Gli Stati Uniti restano il Paese più colpito con oltre 60.000 morti (63.019) e 1.070.032 positivi al Covid-19. Ieri le autorità americane hanno registrato 2.053 decessi, un livello sopra la soglia di 2.000 per il terzo giorno consecutivo. Ma gli States sono primi anche nel numero di persone guarite (154 mila), seguiti da Germania, Spagna, Cina e Italia. In Europa i morti sono oltre 140.000 persone, secondo il conteggio della France Presse. I tre quarti delle vittime europee sono in Italia, poi Regno Unito, Spagna e Francia. Nello speciifico, con 140.096 morti (su 1.495.293 casi), l’Europa è il continente più colpito dalla pandemia.

Lo Stato di New York registra mille casi al giorno, ha dichiarato il governatore, Andrew Cuomo, durante il briefing quotidiano sul Covid-19. Ma il tasso di mortalità “è il più basso dall’inizio della pandemia “, ha osservato Cuomo, ma “mille nuovi casi ogni giorno è ancora un tasso di infezioni molto alto”. Così il governatore ha annunciato che scuole nello Stato di New York resteranno chiuse almeno fino alla fine dell’anno scolastico.

Per la prima volta in un mese oggi milioni di americani provano a tornare alla “normalità” nell’era della pandemia. Molte attività hanno riaperto dal Texas all’Alabama, dall’Idaho all’Iowa, Maine, North Dakota, Utah e Wyoming. E alcuni avevano già dato il via come Colorado, Oklahoma, Florida, Missouri, Nebraska e West Virginia, e alcuni lo faranno lunedì. 

Una situazione che mostra tutta la natura “federale” degli Stati Uniti con i singoli Stati che affrontando l’emergenza in modo diverso. La costa est resta, in gran parte, ancora “chiusa”. Il sud, Midwest e montagne a ovest invece hanno fretta di passare alla “fase 2”, anche se in alcuni stati, come il Texas, ieri l’epidemia ha prodotto i dati più allarmanti. Il problema è che c’è diversità di vedute su tutto, anche sulla “percentuale di sicurezza” per riempire i locali. E differeti vedute si registrano anche nella stessa città, così si ha il capo della Casa Bianca che spinge per la riapertura, e il distretto dove si trova la capitale Washington, Columbia District, che resterà in “lockdown” fino al 15 maggio.

E c’è chi protesta. In Michigan, manifestanti anti lockdown sono entrati anche nel campidoglio dello Stato, in alcuni casi armati, per protestare contro il coprifuoco anti coronavirus. Ma Trump li ha difesi: “sono persone molto per bene ma molto arrabbiate”. Il presidente, via Twitter, ha esortato il governatore del Michigan, la democratica Gretchen Whitmer, a “fare un accordo” con coloro che protestano perchè, ha detto, “vogliono riavere la loro vita, in modo sicuro”. 

La Food and drug adminstration, l’organismo di controllo sui farmaci americana, ha dato il via libera all’uso dell’antivirale remdesivir, prodotto dall’azienda Gilead, contro il coronavirus. Ne ha dato notizia lo stesso presidente Donald Trump parlando con i giornalisti. Il presidente, parlando dallo Studio Ovale, ha sottolineato che il remdesivir è stato approvato con la procedura d’emergenza dall’Fda. “Si tratta di una terapia importante per il trattamento dei pazienti Covid ricoverati in ospedale”, ha aggiunto Trump. Secondo Anthony Fauci, il virologo della Casa Bianca, il farmaco accelera la guarigione dei malati gravi e riduce il tasso di mortalità.

La Gran Bretagna ha registrato altri 739 decessi, per un totale di 27.711 morti. Il ministro della Salute, Matt Hancock, ha diffuso i dati, e di seguito ha annunciato che il Regno Unito ha raggiunto l’obiettivo di effettuare 100.000 test al giorno, prefissato entro la fine di aprile. Nelle ultime 24 ore ne sono stati effettuati 122.347. “Un risultato incredibile”, ha commentato Hancock.

A Berlino migliaia di persone hanno sfidato il divieto di manifestare in strada per il primo maggio. Il Primo maggio rivoluzionario del quartiere multietnico di Kreuzberg quest’anno non era autorizzato a causa delle misure restrittive, e la polizia ha chiuso diverse strade. In tutta la Germania sono stati vietati i raduni di massa. La polizia ha bloccato diverse manifestazioni nel quartiere centrale di Mitte. 
Il coronavirus in BundesligaTre persone, asintomatiche, sono risultate positive nel Colonia e saranno messe in quarantena per 14 giorni: lo ha annunciato stasera il club della Bundesliga. L’annuncio semina dubbi sulla ripartenza del campionato di calcio tedesco, riapertura che verrà valutata dal governo il 6 maggio.

La Francia ha registrato 218 vittime in 24 ore, mentre il numero di pazienti in terapia intensiva è sceso di 141 unità. Continua il lento calo delle cifre dell’epidemia in Francia. Sono scesi di 396 unità i ricoveri (a 25.887) e sono al minimo anche i nuovi casi accertati (604), che in totale sono 130.185. Il presidente francese, Emmanuel Macron, ha parlato del 11 maggio, quando in Francia inizierà il de-confinamento, ma non sarà ancora “una vita normale”.

In Spagna si sono registrati 281 morti nelle ultime 24 ore, il bilancio totale sale a 24.824. Il dato conferma il calo della pandemia: per il secondo giorno ci sono meno di 300 morti in 24 ore, ha reso  noto il ministero della Salute. I casi di contagio totali sono 215.216. 

L’Austria ha prolungato fino al 22 maggio lo stop ai treni e ai voli da e per l’Italia. Lo prevede un’ordinanza del ministro della Salute Rudolf Anschober (Verdi). Austria chiusa anche per la Svizzera e il Liechtenstein, mentre stop aerei anche anche per Cina, Iran, Svizzera, Francia, Spagna, Regno Unito, Paesi Bassi, Russia e Ucraina. Riaperti i voli provenienti dalla Corea del Sud.

Il ministro russo delle Costruzioni Vladimir Yakushev è stato ricoverato dopo aver contratto il coronavirus. L’annuncio arriva all’indomani di quello del primo ministro russo Mikhail Mishustin, anch’egli positivo. In totale la Russia registra 114.431 casi di Covid-19 e 1.169 morti, la maggior parte a Mosca, nella sua regione e a San Pietroburgo, seconda città del Paese. Il Cremlino, dopo positività del premieri e del ministro delle Costruzioni, ha assicurato che ci sarà massima protezione per la salute del presidente russo Vladimir Putin. Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha detto: “Per quanto riguarda il capo dello Stato, la protezione della salute è al massimo livello possibile”.  Le ultime notizie parlano di un focolaio in un cantiere nell’Artico russo, vicino al villaggio di Belokamenka nella regione di Murmansk, con oltre 10.000 lavoratori impegnati in un progetto di piattaforme di gas da 20 miliardi di dollari della società russa Novatek. I positivi sarebbero 1.079 lavoratori, cioè oltre l’80% dei casi totali della regione.

In Brasile si sono avuti 428 decessi nelle ultime 24 ore, per un totale di 6.329 vittime. Il numero dei contagiati è salito a 91.589. Da accertare le cause del decesso di altre 1.642 persone, che potrebbero aggravare ulteriormente il bilancio dei morti. I guariti sono 38.039, il 41% del totale. I numeri non sono buoni, ma presidente brasiliano Jair Bolsonaro, in occasione della festa dei lavoratori, ha ribadito la sua volontà a riaprire. “Vorrei che tutti tornassero a lavorare, ma chi decide non sono io ma sono i governatori ed i sindaci. Quindi buona giornata a tutti. Il Brasile è un Paese meraviglioso e sono sicuro che a breve torneremo alla normalità, grazie a Dio”. In Brasile il presidente è favorevole ad una riapertura immediata, ma i governatori e i sindaci difendono l’isolamento sociale. mentre parlava Bolsonaro ha tossito più volte, e così ha anche detto: “può darsi che mi sia già preso il virus in passato, chissà, ma non me ne sono accorto”. I test del presidente sono stati tenuti segreti, ma il quotidiano Estado de S. Paulo ha ottenuto da un giudice federale il diritto di vedere i risultati dei tamponi a cui si è sottoposto Bolsonaro, in quanto “di interesse generale”, ma il presidente si è rifiutato di renderli pubblici.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.