Parlamento

Mattarella agli italiani: “Periodo travagliato, lo supereremo insieme”

Il discorso di Mattarella e le reazioni

Sergio Mattarella

«Il Presidente della Repubblica, nell’impossibilità di rispondere personalmente a tutti coloro che a lui si rivolgono, li ringrazia molto ed esprime a ciascuno la sua personale vicinanza in questo periodo cosi travagliato della storia della nostra Repubblica, nella certezza che supereremo, assieme, questo difficile momento».

È quanto si legge in un “avviso” pubblicato sul sito del Quirinale e destinato ai tanti cittadini che in queste ore gli stanno scrivendo. Sergio Mattarella era intervenuto già venerdì scorso, con un discorso televisivo. Oggi è tornato a farsi sentire con un messaggio scritto.

«Il Capo dello Stato, in questo periodo di grave emergenza Covid-19, riceve quotidianamente – si legge nell’avviso pubblicato sul sito della Presidenza della Repubblica – numerosa corrispondenza, soprattutto via e-mail, da parte di singoli cittadini, di sindaci, di associazioni, nella quale si esprimono considerazioni, preoccupazioni, suggerimenti, proposte, rilievi critici. A causa della mole di corrispondenza – soprattutto via mail – il presidente ha deciso di ringraziare così i cittadini esprimendo loro la propria “personale vicinanza”».

Non dimentica chi non ce l’ha fatta: «Il dolore del distacco è stato ingigantito dalla sofferenza di non poter essere loro vicini e dalla tristezza dell’impossibilità di celebrare, come dovuto, il commiato dalle comunità di cui erano parte. Comunità che sono duramente impoverite dalla loro scomparsa.Stiamo vivendo una pagina triste della nostra storia. Abbiamo visto immagini che sarà impossibile dimenticare. Alcuni territori – e in particolare la generazione più anziana – stanno pagando un prezzo altissimo». Gli anziani sono un pensiero costante per il capo dello Stato che a loro – alla generazione matura decimata – aveva dedicato un messaggio indirizzato al capo dello Stato tedesco.

Poi ringrazia i protagonisti delle cronache di questi giorni. «I medici, gli infermieri, l’intero personale sanitario, cui occorre, in ogni modo, assicurare tutto il materiale necessario. Numerosi sono rimasti vittime del loro impegno generoso». Si rivolge anche a «farmacisti, agenti delle Forze dell’ordine, coloro che mantengono in funzione le linee alimentari, i servizi e le attività essenziali, coloro che trasportano i prodotti necessari, le Forze Armate».

«A tutti loro – aggiunge – va la riconoscenza della Repubblica, così come va agli scienziati, ai ricercatori che lavorano per trovare terapie e vaccini contro il virus, ai tanti volontari impegnati per alleviare le difficoltà delle persone più fragili». Infine, il passaggio più politico: l’appello, già altre volte lanciato, alla coesione nazionale davanti all’emergenza: «Ho auspicato – e continuo a farlo – che queste risposte possano essere il frutto di un impegno comune, fra tutti: soggetti politici, di maggioranza e di opposizione, soggetti sociali, governi dei territori. Unità e coesione sociale sono indispensabili in questa condizione».

1 risposta »

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.