Parlamento

Coronavirus, tutti collaborativi tranne Salvini

Coronavirus, tutti collaborativi tranne Salvini
Coronavirus, tutti collaborativi tranne Salvini

Mai si sarebbe potuto immaginare che in una parte d’Italia tutto potesse presentare un rischio: una cena conviviale, un incontro con colleghi, una partita di calcetto, la frequentazione di un cinema, un teatro o una palestra come pure la partecipazione a una riunione di massa che fosse un carnevale o una manifestazione politica o una riunione di condominio. Di colpo, decine di comuni vengono completamente isolati, diverse stazioni ferroviarie chiuse, caserme vengono destinate a ospedali.

In questa che si presenta come una tragedia nazionale con chiara possibilità di pandemia (Epidemia con tendenza a diffondersi rapidamente attraverso vastissimi territori o continenti), tutte le forze politiche si stanno mostrando collaborative con l’azione del governo, senza isterie o opportunistiche manifestazioni di dissenso. Non è il tempo della propaganda fine a se stessa, utile a racimolare uno zero virgola nei sondaggi che si compulsano settimanalmente. No. Ora c’è un’emergenza.

Matteo Renzi, il più movimentista di questi giorni, per giustificati motivi di indirizzo politico, è intervenuto, ieri sera, ospite di Barbara Palombelli a Stasera Italia su Rete 4, con una dichiarazione di totale buon senso: “Qui c’è un presidente del Consiglio e tutti di fronte alla situazione di emergenza che stiamo vivendo devono sostenere l’azione del governo”.

Giorgia Meloni: “Siamo disponibili a dare una mano perché su questi temi la politica non deve dividersi” e ancora “Sul coronavirus c’è un alto tasso di apprensione tra i cittadini e penso che sia figlio di una mancanza di informazione. Il governo deve chiedere a chi di dovere di avere informazioni certe e poi trasferire quelle informazioni certe ai cittadini”. Un bon ton istituzionale in un momento di emergenza.

5S, Zingaretti e Speranza sono chiaramente coinvolti nell’azione di governo per cui la loro azione è chiaramente rivolta a una collaborazione piena con il governo stesso.

Il presidente della Regione Lombardia, Fontana, leghista, si mostra collaborativo con il governo e , dosa ogni singola parola: “Le misure che assumiamo non devono essere viste come qualcosa di terribile, drammatico e preoccupante ma sono gli unici mezzi per evitare diffusione del contagio. In altre parti del mondo, anche in Cina, si è dimostrato che questo sistema contribuisce in modo stanziale a bloccare la diffusione. Non dobbiamo diffondere il panico”.

Unico e solo a voler cavalcare la psicosi da virus, per ricavarci un qualche vantaggio, è il leader della Lega Matteo Salvini, il quale, con un cinismo incredibile, si inserisce nella discussione con una sceneggiate delle sue, chiamando in causa brutalmente il Governatore della Toscana: “Presentiamo un esposto denuncia contro il presidente Rossi, che non facendo tutti i controlli necessari su chi rientra dalla Cina, mette a rischio la salute dei cittadini toscani, e accusa chi lo critica, scienziati e medici compresi, di essere un “fascioleghista”. A un certo punto del pomeriggio invoca addirittura le dimissioni di Conte con tanto di hastag #contedimettiti.

1 risposta »

  1. “Nel M5S tanti no vax. Taverna e gli altri big ora fanno finta di nulla”. Così Il Messaggero titola l’intervista rilasciata da Giulia Grillo, ex ministro della Sanità e ora deputata pentastellata. In clima da emergenza coronavirus, l’ex titolare del dicastero della salute torna a parlare di vaccini e no vax.

    L’onorevole Grillo cita gli esponenti 5Stelle con cui non aveva trovato convergenze rispetto alle disposizioni in materia di obbligo vaccinale ai tempi del governo Conte 1.

    “Importanti esponenti no-vax quando ero ministro mi fecero la guerra. Una guerra che alla fine ho perso, uno dei motivi, forse, per il quale non sono più ministro […] Penso a Paola Taverna, certo. Notoriamente no-vax, ma anche a tanti big che adesso sono ancora ministri, come lo erano nel Conte 1, che non mi hanno mai difeso e preferirono, all’epoca, seguire l’orientamento del gruppo parlamentare” […] La mia posizione sull’obbligo vaccinale era mediana e anche di buonsenso. Ma c’era una parte che in maniera netta chiedeva l’abolizione dell’obbligo delle certificazioni vaccinali a scuola”.

    E ancora:

    “Appena arrivati al governo si voleva tutto e subito. Un errore. Ci possono stare diverse sensibilità, in questa materia. Ci mancherebbe. Diverso è invece pensare sempre a una vena di complottismo. Soprattutto quando si ha a che fare con la salute degli italiani e occorre avere giudizio”.

    Così Giulia Grillo ricorda la sua posizione in merito alle vaccinazioni.

    “Dissi solo una cosa logica: togliere l’obbligo senza pensare al contempo a misure di tutela per gli immunodepressi aveva e ha poco senso”.

    Sull’emergenza coronavirus che l’Italia si trova ad affrontare, l’ex ministro dice:

    “Già una settimana fa avevo sommessamente proposto di stringere i controlli su tutti i voli in arrivo in Italia. Invece, non sono stata ascoltata. Mi auguro ora che l’esecutivo, come sta facendo, possa mettere in campo tutte le iniziative necessarie per arginare i contagi”.

    "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.