Centrosinistra

Assemblea Nazionale Italia Viva. Renzi scommette sulla doppia cifra.

Assemblea Nazionale Italia Viva. Renzi scommette sulla doppia cifra.

Assemblea Nazionale Italia Viva. Renzi scommette sulla doppia cifra.

Luci soffuse e musica a palla. Stile Leopolda a Cinecittà per la prima assemblea nazionale di Italia Viva allo Studio 10, quello di Federico Fellini, in mezzo a set da antica Roma. Ad aprire i lavori è Matteo Renzi. L’acceleratore su crescita e riforme, il piano Italia Shock per sbloccare i cantieri, le tasse: questi alcuni dei temi sui quali anche oggi batterà il leader di Italia Viva. Non trova conferme tra i suoi l’indiscrezione secondo la quale Renzi starebbe valutando un appoggio esterno al governo Conte. Certo resta il no all’alleanza con i 5 Stelle. Con M5S fino a 2023 poi ognuno per la sua strada, dicono in IV. L’assemblea parte con l’inno d’Italia e un omaggio a Federico Fellini: “Qua fuori c’è una bellissima ricostruzione di Roma antica, ancora più bella perché l’unica parte di Roma senza mondezza”, scherza Luciano Nobili dal palco.

Poi l’intervento del leader Matteo Renzi: “Siamo qui per cercare di parlare di politica che non è semplicemente fare un tweet o partecipare a un talk ma avere un progetto, una visione, non è suonare a un citofono, fare populismo”. “Ormai – continua – è tutta un’esagerazione. E’ iniziato il 2020 con tutta una previsione apocalittica sugli anni ’20, e poi la terza guerra mondiale e poi l’annuncio di una battaglia epocale: le elezioni regionali in Emilia Romagna. E ancora in tutte questa esasperazione arriva il coronovirus. E’ come se fossimo tutti circondati dal bisogno di messaggi choc. Allora in tutta questa esasperazione noi vogliamo fare un scelta in controtendenza, perché vogliamo discutere e per fortuna ora siamo in un partito in cui possiamo farlo. E così abbiamo scelto l’affresco del ‘Buon governo’ vs populismo’”.

“Basta inseguire populisti, vogliamo dettare noi l’agenda e per farlo occorre avere una visione, occorre prevedere. Bisogna avere uno sguardo lungo”, dice, per poi passare al parallelo con l’uscita dell’Inghilterra dall’Europa: “Qual è il primo insegnamento che viene dalla BrexitEvitiamo di dare al populismo l’occasione di scrivere il futuro dei nostri figli. E quando ho visto le immagini di ieri, mi sono detto ancora una volta che abbiamo fatto bene ad agosto a non lasciare che Salvini avesse pieni poteri e ci portasse all’Italexit…”. “La storia – spiega – si sta incaricando di dimostrare che l’unica sinistra che può vincere è quella di Tony Blair e non quella di Jeremy Corbyn, perché si vince con il riformismo, non con l’estremismo. Corbyn è stato uno dei fattori determinanti per la vittoria di Johnson. Tanti si sono detti ‘meglio la Brexit che Corbyn'”.

Sul governo “io credo che, perché l’Italia possa andare avanti, serva stabilità che però non è immobilismo. Stabilità sì, rinviare e immobilismo no”, afferma Renzi, sottolineando come “si vota nel 2023 perché lo prevede la nostra Costituzioneil governo deve andare avanti, noi vogliamo dare una mano e incoraggiamo il premier ad agire, a fare delle scelte, a non rinviare”. “La missione di Italia Viva – continua – nei prossimi mesi è aiutare il governo a diventare un buon governo”. Appoggio esterno? “Da Italia Viva appoggio totale al governo“.

“Se qualcuno vuole trasformare Conte nel punto di riferimento del progressismo – aggiunge -, faccia pure. Noi lo sosteniamo ma il nostro sostegno al premier non arriva a definirlo leader dei progressisti. Per noi non lo può essere chi ha firmato i decreti Salvini” e “se qualcuno immagina che Italia viva faccia un partito con Pd, M5S e Leu, diciamo in bocca al lupo, buon lavoro e buona vita ma noi saremo dall’altra parte. Non può esistere quella visione del progressismo. Quindi, di conseguenza, non pensiamo di andare alle prossime elezioni in un derby con Salvini e Meloni e parte della sinistra radicale che è già fuori dal mondo“. E ancora: “Non ci interessa cosa accadrà tra Pd e M5s, se sono fiori d’arancio bene. Ma noi non cederemo mai alla cultura populista dei grillini”.

Per quanto riguarda la prescrizione, Renzi è chiaro: “Io non ho accettato di fare un governo per cedere al giustizialismo dei grillini – dice, e avverte -. Lo dico a M5S: noi non siamo tasse e manette. Dicono che Renzi vuole fare come FI, ma se devo scegliere tra chi dice ‘mai prescrizione’, chi dice che ‘non è uno scandalo che ci sia qualche innocente in carcere’ e chi ha una cultura garantista, io sto con chi ha una cultura garantista, noi non siamo per la cultura delle manette”.

Sulla tragedia di Ponte Morandi e sulle concessioni, Renzi aggiunge: “La pagina di Genova è un dramma incredibile, segna la storia dell’Italia e noi esigiamo giustizia. E siamo perché chi ha sbagliato paghi davvero. Ma la differenza tra populismo e buon governo è la polemica sulle concessioni. Se si da l’idea che c’è un governo di populisti e non di esperti di diritto, è un errore politico e un danno alla credibilità del Paese. Si faccia pagare ad Autostrade ma senza cedere a populismo“.

Un progetto “ambizioso”, che guarda a un orizzonte “di lungo termine” e che ha come obiettivo quello di “conquistare il campo aperto che si libera al centro”. La base renziana sta con il suo leader, ne condivide linea e visione e non crede ai sondaggi, che per ora ‘inchiodano’ Italia viva sotto il 5%.

Dopo l’intervento di un’ora e mezza di Renzi, i militanti e iscritti a Italia viva, arrivati da tutta Italia negli Studios di Cinecittà per la prima Assemblea nazionale, sono pronti a raccogliere e rilanciare la sfida di Renzi: dettare l’agenda del governo, indicare la strada e la rotta per sconfiggere il populismo salviniano, presentarsi alternativi al progetto di Zingaretti di un campo largo riformista assieme ai 5 stelle.

L’ex premier non mostra attenzione ai sondaggi, almeno è questa l’immagine che intende dare. Va sul concreto, punta alla ‘sferzata’ che vuole dare al governo sui temi concreti. E mostra anche indifferenza alle critiche: “Quando non sanno che dirci ci dicono che abbiamo solo il 4%. Se col 4% riusciamo a combinare tutta questa cosa, immaginate cosa riusciremo a fare quando arriveremo all’8 o al 10%, Noi siamo riformisti che sognano e che non hanno solo una lista di cose da fare”, sostiene in un passaggio dell’intervento.

L’obiettivo, anche questo condiviso dalla base, è divenire l’ago della bilancia, non solo di oggi, ma soprattutto nel futuro. E la legge elettorale proporzionale può aiutare. Per questo, Italia viva conferma convintamente il ‘Brescellum‘: “Noi siamo convinti che la soglia di sbarramento debba restare al 5%”, afferma il coordinatore renziano Ettore Rosato.

I numeri, la base ne è certa, arriveranno, soprattutto quando “il simbolo di Italia viva inizierà ad esserci alle elezioni”, è la convinzione. Una piccola percentuale, invece, guarda se non con preoccupazione ma certo con un po’ di prudenza ai sondaggi e ritiene che difficilmente si potranno raggiungere numeri a doppia cifra. Ma il tempo “sarà galantuomo”, dice il leader, e lo ripetono come un mantra anche i militanti arrivati a Roma.

“Mi rimetto in cammino, in tutta Italia, farò 100 tappe per presentare il libro che si chiamerà ‘La mossa del cavallo’, ma non è quella di agosto sarà la prossima. Mi metto in gioco e in campo ma non voglio che pensate che state in un partito che c’è ed esiste, a dispetto dei profeti di sventura, è state ad assistere a quello che fanno gli altri”, sono le parole di Matteo Renzi in chiusura della prima assemblea di Italia Viva che si è tenuta tra ieri e oggi a Roma. “Il partito è vostro, dovremo spaccarci la schiena tutti insieme e se saremo capaci di farlo non so come andranno i sondaggi ma starà meglio l’Italia. Dipende da ognuno di voi, inizia un cammino affascinante, cerchiamo di divertirci”.

Sul palco anche il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri che sull’Italexit ha detto: “E’ un rischio del tutto escluso, gli italiani sono ragionevoli e sanno che sarebbe una follia totale che non ha il consenso della maggioranza degli italiani, non avverrà mai”. “Salvini cerca periodicamente di dire che è cambiato rispetto alla linea antieuropea, che non gli porta bene, ma poi si ripresenta la verità: Salvini è quella roba lì, che porta la Le Pen e i nemici dell’Italia a Roma ma penso che i romani risponderanno con ironia mantenendo le distanze”, ha aggiunto.

Non potevano mancare gli esponenti nazionali più in vista, da Maria Elena Boschi e Teresa Bellanova, Elena Bonetti e Davide Faraone.

1 risposta »

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.