Cronaca

Ergastolo per lo stupratore seriale di Manchester

Ergastolo per lo stupratore seriale di Manchester

Reynhard Sinaga

Un viso pulito, occhiali da studente impeccabile, apparentemente gentile e pronto ad aiutare chiunque si trovasse in difficoltà: dietro questa maschera si nascondeva Reynhard Sinaga, ex studente indonesiano residente dal 2007 a Manchester, definito dai magistrati che lo hanno condannato al suo ennesimo ergastolo ‘il peggior stupratore nella storia della Gran Bretagna’. L’ultima sentenza è stata emessa nel dicembre scorso, ma solo adesso, spiega la stampa britannica, i magistrati hanno pubblicato esito e verbali del processo.

Sinaga, 36 anni, ha adescato in due anni e mezzo, tra il 2015 e il 2017, centinaia di uomini (il numero delle vittime accertate è arrivato quasi a 200, ma potrebbe salire ancora) fuori dai locali del centro di Manchester, per poi aggredirli sessualmente nel suo appartamento. Dopo il suo arresto nel 2017 e le prime condanne le indagini sono andate avanti nel massimo riserbo a tutela delle vittime, molte inconsapevoli della gravità del caso, fino alle rivelazioni emerse all’ultimo processo, riferito, nello specifico, a violenze su 48 uomini, concluso con l’ennesima condanna a vita. Ad infliggerla un giudice donna, Suzanne Goddard, che non ha esitato a definirlo un “malvagio predatore sessuale” ricordando la testimonianza di una vittima, rimasta segnata nel profondo, che lo ha chiamato “mostro”.

Non è passata settimana senza che Sinaga, figlio di un facoltoso banchiere indonesiano e studente di lungo corso a spese della famiglia, non sia uscito dal suo lussuoso appartamento ai margini del gay village di Manchester a caccia di prede. Davanti ai club avvicinava ubriachi o persone dalla fragilità evidente, molti eterosessuali, offrendo loro amicizia, da bere, un letto per la notte o un posto per ricaricare il cellulare. Una volta nell’appartamento, drogava le vittime e abusava di loro mentre erano incoscienti. Molte di loro non hanno saputo cosa avevano passato finchè la polizia non ha bussato alla porta. A rivelarlo sono stati due telefoni cellulari con cui Sinaga registrava le sue prodezze. La polizia ha identificato dalle immagini 195 vittime. Di una settantina ancora non si conosce il nome. Uno dei due cellulari era stato portato alla polizia da una vittima che aveva ripreso coscienza durante gli abusi riuscendo a fuggire, seppure sotto shock.

Sinaga ha provato a difendersi in tribunale, senza mostrare non solo il minimo pentimento ma neanche la minima consapevolezza di aver commesso degli abusi, dicendo che le vittime erano consenzienti, che erano solo giochi erotici. Tesi difensive riportate in aula dai suoi legali ma definite ‘ridicole’ dalle quattro giurie cui spettava il verdetto. Il primo processo è iniziato a giugno 2018. L’ultimo lo scorso dicembre. Finora l’ex studente è stato condannato per 159 reati sessuali, tra cui 136 stupri e otto tentativi, in quattro processi distinti, secondo il Crown Prosecution Service. Il vice procuratore capo della corona per l’Inghilterra nord-occidentale, Ian Rushton, lo ha definito “lo stupratore più prolifico della storia legale britannica”.

Al momento dell’arresto stava finendo la sua tesi di Phd in geografia dal titolo “Sessualità e transnazionalismo tra i gay e i bisessuali di Manchester”. La famiglia ha sostenuto le spese legali e la madre ha assistito alle prime udienze. Ma dopo aver capito la pesantezza delle accuse ha fatto ritorno in Indonesia e non è stata mai più vista in Gran Bretagna.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.