Europa

Croazia, Milanovic nuovo presidente con il 54%

In Croazia vince il centrosinistra
Zoran Milanovic

Zoran Milanovic, ex premier socialdemocratico ed esponente del centrosinistra unito, vince le elezioni presidenziali in Croazia, con il 54,01% per cento, contro il 45,99 della presidente uscente, la conservatrice Kolinda Grabar-Kitarovic. Sarà Milanovic, dunque, il nuovo inquilino del Pantovckak, la residenza presidenziale. 

Kolinda Grabar-Kitarovic, dell’Hdz (l’Unione democratica croata, di centrodestra, il partito al governo di Zagabria) era arrivata seconda al primo turno del 22 dicembre con il 26,7% dei voti, mentre il candidato del centrosinistra, l’ex premier socialdemocratico (Sdp) si era piazzato primo, a sorpresa, due settimane fa, con il 29,6%.

La conservatrice Kitarovic, 51 anni, molto attiva in politica estera in questi suoi 5 anni di mandato, fallisce nell’obiettivo della riconferma. La “donna del popolo”, come ama definirsi, cercava i voti di sovranisti e nazionalisti, che al primo turno avevano premiato il cantante-politico dell’ultradestra, Miroslav Skoro, arrivato terzo al primo turno con il 24,4% dei consensi.

L’ex premier Milanovic, 53 anni, che non brillò particolarmente durante il suo mandato da primo ministro (2011-2016), premiato al primo turno soprattutto dagli elettori delle grandi città, chiede una possibilità ai croati per “sorprenderli”, come ha affermato negli ultimi comizi. Una campagna elettorale, la sua, rivolta soprattutto ai giovani proponendosi come “presidente di una Croazia moderna”.

Sebbene il ruolo di presidente della Repubblica sia più che altro di rappresentanza, il prossimo mandato sarà caratterizzato da importanti sfide. La funzione più importante del Capo dello Stato è la compartecipazione alla politica estera del Paese e dal primo gennaio, infatti, la Croazia ha assunto la presidenza di turno del Consiglio dell’Unione europea. E a maggio Zagabria ospiterà il summit tra Ue e Balcani: un’occasione per porsi come credibile intermediario nel processo di allargamento europeo nella regione. Le presidenziali di oggi rappresentano un test chiave in vista delle elezioni per rinnovare il Parlamento previste a fine 2020.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.