Lgbt

Una ragazza lesbica si suicida dopo sette anni di terapia di conversione

Una ragazza lesbica si suicida dopo sette anni di terapia di conversione

Alana Chen aveva 14 anni quando ha capito che le piacevano le ragazze. La prima cosa che sentiva era la paura, il suo ambiente era molto conservatore e religioso, l’omosessualità non era qualcosa che poteva vedere come una cosa normale, ma piuttosto come qualcosa che le sembrava oscuro dentro di sé, soprattutto considerando che voleva diventare suora.

Alana parlò con il sacerdote della sua chiesa. Era l’unica persona a cui lo disse. Lui le chiese di non dire nulla ai suoi genitori e le assicurò che avrebbe “sistemato le cose”.

Questa è stata la prima terapia di conversione a cui Alana ha dovuto sottoporsi. Quando è entrata all’università, già lontana dal suo sacerdote, ha continuato a cercare aiuto per “guarire” e cercare di essere “normale”. E trovò un’associazione che continuò con le orribili terapie di conversione.

Alana continuava ad essere lesbica, come potete immaginare, ed era tanta la sua paura e il suo rifiuto del suo lesbismo che cominciò a farsi del male e a causare varie ferite al suo corpo. Quando i suoi genitori scoprirono le sue ferite, decisero di metterla in un ospedale psichiatrico.

Alana lasciò la scuola e si concentrò sulla sua guarigione mentale ed emotiva. Quando lasciò l’ospedale decise di vivere più in linea con la sua vera identità, e in un’intervista al Denver Post denunciò quanto siano terribili e dannose le terapie di conversione. Delle vere e proprie dolorose torture.

Ma il danno era già fatto. Nella stessa intervista ha raccontato del suo dolore e del suo rapporto con Dio. Le terapie religiose erano state così nefaste che aveva il terrore di andare all’inferno, d’altra parte la sua sofferenza era così grande che si sentiva tradita da Dio.

Neanche la sua lesbofobia interiorizzata ha aiutato. Non si sentiva a suo agio con il lato religioso o con il proprio orientamento sessuale. Tutto questo dolore è stato il motore che ha portato Alana, che aveva solo 21 anni, a suicidarsi. Dopo che era scomparsa da due giorni, la polizia ha trovato il 9 dicembre 2019 il suo corpo nel parco di Chautuauca, nella città americana di Denver negli Stati Uniti.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.