Centrodestra

Manifestazione del centrodestra a Roma contro il governo

Manifestazione del centrodestra a Roma contro il governo

Silvio Berlusconji, Giorgia Meloni e Matteo Salvini

“C’è qualcuno che ritiene eroina Carola, io preferisco ascoltare le parole di Oriana Fallaci”. Così Matteo Salvini, inizia il suo intervendo lanciando un video con le parole della scrittrice fiorentina, che attacca a difesa della “patria italiana, che io non regalo”. Il leader della Lega poi attacca: “Altro che estremismo, uomini normali, popolo contro elite, piazza contro Palazzo. Siamo 200mila, e duecentomila grazie”. “Il nuovo Governo con arroganza ha cancellato il ministero per le disabilità, per farvi capire quanto tengono conto dei disabili” incalza ancora. Poi affronta il capitolo migranti: “Meno partenze = Meno morti. Al governo abbiamo gente con le mani sporche di sangue. Noi al governo torneremo, e torneremo presto dalla porta principale. Senza trucchi e senza inganni. Io penso che chi davvero applica gli insegnamenti del Vangelo e della Bibbia sia colui che evita che questa gente salga su un barcone e si metta in mano a degli scafisti”.

“Sono commosso, questa è la nostra piazza. Siamo qui per dire ‘no’ a governo più a sinistra della storia”. Così Silvio Berlusconi dal palco di piazza di Porta San Giovanni, dove il centrodestra si presenta unito e compatto. Il leader di Forza Italia attacca l’attuale governo che “è diviso su tutto tranne che su ‘no’ a voto agli italiani”. E prosegue: “L’Italia non vuole essere governata dalla sinistra, dai comunisti, perchè ha ben chiaro cosa significa il loro governo. Vuole essere governata da noi. E noi qui rappresentiamo la migliore Italia, che lavora, che produce. Solo se siamo tutti assieme potremo cambiare la nostra Italia”.

“La sovranità appartiene al popolo. “Faremo opposizione dura e senza sconti al governo giallorosso”. Poi l’affondo ai grillini: “Grillo è passato dal Vaffaday contro il Pd, al Vaffaday contro chi non governa con loro”. Critica anche con il primo cittadino capitolino, la pentastellata Virginia Raggi dicendo che “Roma, la Capitale d’Italia merita un sindaco all’altezza”.

Polemiche non solo per i simboli sul palco, ma anche per la presenza di Casapound alla manifestazione. Salvini su questo aveva replicato che “la piazza è aperta a tutti. Sul palco sale chi decide la Lega”. Il leader del Movimento di estrema destra, Simone Di Stefano – che sta raggiungendo la piazza – ha detto ai cronisti: “Nessuna alleanza, non abbiamo niente da chiedere”. Ed ha aggiunto: “Salvini e Meloni possono far bene interessi nazione. Berlusconi ha fatto il suo tempo”.

Gazebo per la Lega. Tante persone in fila per firmare le proposte della Lega per un sistema elettorale maggioritario, per l’elezione diretta del Presidente della Repubblica e l’abolizione dei senatori a vita. E sei sei di Roma firma per chiedere le dimissioni della Raggi. Tante persone in fila per firmare le proposte della Lega per un sistema elettorale maggioritario, per l’elezione diretta del Presidente della Repubblica e l’abolizione dei senatori a vita. E sei sei di Roma firma per chiedere le dimissioni della Raggi.

Per gli organizzatori della Lega sono oltre 200mila le persone che ieri hanno partecipato alla manifestazione del centrodestra ‘Orgoglio italiano’, che si è svolta in piazza San Giovanni a Roma. Un tripudio di bandiere, non solo della Lega, ma anche tante di Forza Italia e Fratelli d’Italia, e una distesa umana che arriva oltre i confini della piazza. Ma la Questura ha smentito i numeri dichiarati dalla Lega e ha fornito cifre ben diverse: le persone provenienti da tutta Italia che hanno riempito la piazza non sono state più di 70mila. Non si è registrato comunque alcun disordine, né in piazza San Giovanni, né all’Esquilino, dove era in programma una manifestazione contro i decreti sicurezza varati dall’ex ministro dell’Interno, a cui hanno partecipato circa 500 persone.

“Spero che il quadrumvirato di Forza Italia abbia il coraggio di difendere 25 anni di storia liberale che non possono essere liquidati così”. Lo scrive Mara Carfagna, vice presidente della Camera e deputata di Forza Italia, su Twitter postando l’estratto di un’intervista rilasciata da Matteo Salvini in cui il segretario della Lega rispondendo ad una domanda su Silvio Berlusconi e la sua partecipazione alla manifestazione del 19 ottobre ha dichiarato: “più gente c’è meglio è. Io non sono mica per escludere nessuno. Sono uno inclusivo. Però si guarda avanti”.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.