Parlamento

Governo, a Palazzo Chigi lungo incontro Di Maio-Zingaretti-Conte

Governo, concluso vertice Pd-M5s.

Luigi Di Maio e Nicola Zingaretti

E’ ancora in corso a Palazzo Chigi, dopo la mezzanotte, l’incontro tra le delegazioni di M5S e Pd per la possibile alleanza di Governo. Alla riunione, iniziata poco dopo le 21, prendono parte il capo politico pentastellato Luigi Di Maio, il premier dimissionario Giuseppe Conte, il segretario dem Nicola Zingaretti e il suo vice Andrea Orlando. Secondo quanto si apprende da fonti parlamentari, non si starebbe parlando di nomi ma del programma dell’eventuale Governo. E’ il secondo incontro tra i due partiti nella giornata, cruciale per la soluzione della crisi di governo.

Sembra così in dirittura d’arrivo l’accordo fra M5s e Pd. Secondo autorevoli fonti parlamentari, la breve durata del primo incontro a Palazzo Chigi tra il leader pentastellato Di Maio e il segretario dem Zingaretti sarebbe dovuta al fatto che quest’ultimo doveva poi aggiornare il suo gruppo dirigente al Nazareno sul colloquio.

Secondo le stesse fonti è caduta la pregiudiziale della “discontinuità” che finora aveva spinto il Pd a rifiutare l’ipotesi di una riproposizione di Giuseppe Conte come presidente del Consiglio del nuovo esecutivo. Ma fonti Pd frenano: “Non si è sciolto il nodo della premiership. Dopo un primo incontro interlocutorio tra Zingaretti e Di Maio il confronto prosegue”. Lo indicano fonti del Partito democratico spiegando che in serata al nuovo incontro “partecipano Nicola Zingaretti con il vicesegretario Andrea Orlando per il Pd e il presidente Conte con Luigi Di Maio per il Movimento 5 Stelle”.  Domani pomeriggio al via le consultazioni al Quirinale.

Appare ottimista dopo il primo faccia a faccia con Di Maio, Nicola Zingaretti. “Sto leggendo molti retroscena, alcuni credibili altri meno. La verità è che finalmente è partito il confronto per dare al Paese un governo di svolta”, ha detto il segretario Pd.

“Siamo sulla strada giusta, io sono ottimista di poter costruire questo accordo. Fare un governo è una cosa seria, noi siamo persone serie e non vogliamo che finisca dopo 14 mesi” come quello gialloverde, dice ancora Zingaretti. “Bisogna ascoltarsi a vicenda”, aveva detto in mattinata lo stesso Zingaretti. Al Nazareno riunione dei vertici dem. “Siamo pronti a lavorare sui contenuti, non vediamo l’ora di parlare di quello che l’Italia ha bisogno. Non ci sono veti”, dice il capogruppo dem Andrea Marcucci uscendo dal Nazareno.

Nel pomeriggio, si è svolto in una casa romana privata dove ha sede un ufficio che ha anche funzioni di succursale capitolina della Casaleggio associati, in via Paola a Roma, la riunione dei vertici del Movimento 5 stelle. Presenti il leader politico, Luigi Di Maio, il presidente della Camera, Roberto Fico, la vice presidente del Senato, Paola Taverna, i capigruppo di Senato e Camera, Stefano Patuanelli e Francesco D’Uva. Partecipano anche Davide Casaleggio e Alessandro Di Battista, il presidente della commissione Antimafia Nicola Morra, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Vito Crimi. Assente, per ora, il fondatore del Movimento, Beppe Grillo. Al termine, nessuna dichiarazione. L’incontro si è svolto alla vigilia del secondo giro di consultazioni al Quirinale. Domani i gruppi parlamentari M5s si riuniranno alle 19.

Il M5s sarebbe intenzionato a verificare sulla sua piattaforma Rousseau l’opinione degli iscritti al Movimento riguardo l’ipotesi di governo con il Pd. E’ quanto si apprende in ambienti del Movimento. La data della consultazione tuttavia non sarebbe stata ancora fissata.

“Sono e rimango convinto che serva un governo per questo paese, un governo di svolta”, aveva detto in precedenza il segretario del Pd Nicola Zingaretti. “Voglio difendere l’Italia dai rischi che corre – ha aggiunto il segretario -, che vuol dire anche difendere le idee, la dignità i valori e la forza del Pd. Bisogna ascoltarsi a vicenda, le ragioni degli uni e degli altri e mi auguro che nelle prossime ore ci sia la possibilità di farlo, finora non era avvenuto”, ribadisce Zingaretti.

La direzione nazionale del Pd è stata convocata per domani. L’orario, che è stato fissato alle 18, potrebbe subire cambiamenti sulla base dell’evoluzione della situazione politica.

Il leader della Lega attacca la possibile intesa tra M5s e Pd: “E’ un ribaltone pronto da tempo, se da una settimana all’altra si passa dalla Lega al Pd. L’accordo votato a Bruxelles sulla Commissione imposta da Merkel e Macron aveva l’obiettivo di riportare indietro l’Italia e si spiegano i tanti no del governo degli ultimi mesi”. Così Matteo Salvini in conferenza stampa. “La dignità e la coerenza valgono più dei ministeri, sono orgoglioso della Lega”, ha poi aggiunto. E poi: “Renzi ha ragione a cantare vittoria. Ci vuole fegato a fare la rivoluzione con Prodi e Renzi”. “Pare che stia nascendo un governo che ha le poltrone come unico collante, lontano dal Paese reale”, nato da un “gioco di palazzo”. E a chi parla di protesta in piazza, replica: “Io faccio il ministro che si occupa di tranquillità e sicurezza, non di insurrezioni popolari. Le insurrezioni si facevano nel 1848. Non vi sfuggirà il fatto che un governo con il Pd non corrisponde al sentimento popolare, ma io mi occupo di garantire diritti e sicurezza, non organizzo insurrezioni popolari”, ha aggiunto Salvini.”Ascoltando la conferenza stampa del prossimo ex ministro dell’Interno ho come l’impressione che Salvini sia leggermente ossessionato da me. E dire che questo caos l’ha fatto tutto da solo. Relax, omonimo #NoTax #NoIva”. Lo ha dichiarato via Facebook l’ex premier Pd Matteo Renzi.

Silvio Berlusconi si dice preoccupato dalla prospettiva del patto tra M5s e Pd. Si profila la nascita di un governo di “ultra sinistra”, avrebbe detto a chi lo ha sentito al telefono, “il governo più a sinistra della storia della nostra Repubblica”. Il leader di Forza Italia scommette che i ‘giallorossi’ non avranno “la forza di evitare l’aumento dell’Iva”. E agli esponenti di Fi ricorda che la nuova maggioranza non rispecchierebbe “la volontà dei cittadini che da due anni scelgono il centrodestra a tutte le prove elettorali”.

“Partito il bombardamento mediatico della sinistra contro Fratelli d’Italia. Per il Pd chiedere il voto è sovversivo, andare in piazza a manifestare è sovversivo, scrivere sui social è sovversivo. Per loro solo fare inciuci di palazzo per fregare la volontà popolare è democratico”. Lo scrive la leader FdI Giorgia Meloni su twitter.

“La direzione di +Europa non ritiene, alle condizioni date, di offrire un sostegno preventivo al governo frutto dell’accordo a due che si profila tra M5S e Pd”. E’ quanto si legge nella nota adottata dalla direzione di +Europa. E prosegue: “Naturalmente, +Europa seguirà con attenzione l’evoluzione della crisi e valuterà una posizione definitiva quando saranno noti programmi, obiettivi e composizione del nuovo esecutivo. Tale valutazione verrà presa alla luce dei programmi, delle iniziative e delle priorità di +Europa, in particolare sulla finanza pubblica, l’immigrazione, i diritti, la sostenibilità ambientale, la giustizia, e i rapporti con l’Ue”.

1 risposta »

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.