Tv

Amadeus presentatore e direttore artistico del Festival di Sanremo 2020

Amadeus presentatore e direttore artistico del Festival di Sanremo 2020

Amadeus

Se qualcuno si fosse dato la briga di parlare con il direttore di Rai1 Teresa De Santis già l’anno scorso, avrebbe scoperto senza tema di dubbio che la sua scelta ideale per il palco dell’Ariston sanremese rispondeva al nome di Amadeus. E visto che è donna di strategia, ha aspettato che tutti gli altri papabili passassero e che persino il Festival dell’anno passato fosse archiviato con tutte le sue intemperanze, scaramucce, decisioni partorite in anticipo rispetto al nuovo corso. Noi lo abbiamo scritto più volte nonostante in diversi momenti si fossero affacciati nomi diversi da quello di Amadeus. Poi l’endorsement di Fiorello ha fatto il resto garantendo in qualche modo i suoi buoni auspici e anche qualcosa di più. Dunque ha vinto la linea De Santis sulla linea dell’amministratore delegato Salini che aveva provato a sparigliare ma senza successo. Resa su tutta la linea, il conduttore designato ha anche ottenuto la direzione artistica del prossimo Festival di Sanremo. Salini aveva molto puntato su Cattelan tanto che rumors Rai raccontano di una lettera che un paio di giorni fa Amadeus avrebbe scritto appunto all’ad, nella quale si diceva pronto a fare un passo indietro visto che non c’era sintonia sul suo nome. A questo punto Salini avrebbe deciso di mollare la presa preoccupato per le conseguenze. Altro vincitore di tutta questa partita è Lucio Presta, il super agente dei divi Rai e non solo. Ottenuto l’ingaggio per Amadeus avrebbe anche convinto l’altra sua star, Antonella Clerici a condurre lo Zecchino d’oro da lei rifiutato dopo la chiusura di tutti gli altri suoi programmi. Risolvendo alla Rai un bel problema con un’artista pagata profumatamente per non lavorare. Dunque Presta si gode il raddoppio di Liorni (il sabato e poi Reazione a catena) e della Cuccarini (Linea verde Speciale e Vita in diretta).

Sulla designazione di Amadeus una nota la Rai informa: «Un Festival all’insegna della coralità e della celebrazione, un Festival con sorprese, un Festival nel segno della storia della Rai che vedrà impegnata l’intera l’Azienda. Sarà questo Sanremo 70, un ambizioso evento multipiattaforma ideato e costruito dalla Rai che culminerà con le 5 serate al Teatro Ariston e che partirà da un’edizione di Sanremo Giovani che avrà un’apertura ancora maggiore alle nuove tendenze grazie anche alle sollecitazioni emerse dalla filiera musicale nel Tavolo di lavoro tenutosi martedì scorso in Rai, e proseguirà con una serie di altri appuntamenti durante il 2020. Padrone di casa di Sanremo 70 sarà Amadeus, volto Rai, esperto di musica, storico dj, che sarà anche direttore artistico dell’edizione. Assieme a lui, nel corso delle 5 serate, volti che hanno costruito la storia del Festival, per un racconto che si intreccerà con quello di compagni di viaggio di Amadeus, sorprese e un DopoFestival che sarà costruito all’insegna dell’innovazione».

E, poiché si tratterà di un’edizione corale è subito partito il toto-nomi d’affiancamento. Tra i primi possibile ospiti come si è detto c’è quello dell’amico Fiorello, favorevole è il suo ritorno in Rai. E ancora Jovanotti, che qualche giorno fa ha scherzato sui social, lanciando di fatto l’investitura di Amadeus, promettendo che sarebbe stato volentieri suo ospite. E naturalmente si pensa a quei conduttori che il Festival lo hanno già guidato: Pippo Baudo, un altro amico di Amadeus come Carlo Conti e Piero Chiambretti, in quota Mediaset.

Ovviamente emozionato il diretto interessato Amadeus che a sanremo aveva guardato per tutta la sua vita artistica. «Ho avuto oggi la notizia che uno aspetta da una vita quando fa il presentatore: il sogno, da quando si è ragazzi, è quello di poter condurre da grandi il Festival di Sanremo. Sono felicissimo. Ringrazio tutta la Rai, partendo dall’amministratore delegato Fabrizio Salini, il mio direttore Teresa De Santis, e tutti quanti hanno voluto che fossi io a condurre il prossimo festival di Sanremo. E adesso, dopo qualche breve giorno di vacanza – conclude Amadeus – ci metteremo subito al lavoro, perché non dimentichiamo che sarà la 70/a edizione, è un numero importante. Sarà il Sanremo di tutti quanti e quindi: viva».

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.