Centrosinistra

Pd, Davide Faraone si autosospende dal partito.

Pd: annullata l'elezione di Faraone a segretario in Sicilia

Davide Faraone

Volano gli stracci nel Partito Democratico fra renziani e zingarettiani. Il dirigente siciliano tira in ballo la divergenza sulla mozione di sfiducia a Salvini: “Preferiscono sfiduciare me piuttosto che il ministro dell’Interno”. Ecco le motivazioni contenute nel documento della Commissione di garanzia

Davide Faraone si autosospende dal Pd. Il dirigente siciliano Dem, la cui elezione a segretario regionale era stata annullata dalla commissione di garanzia del Nazareno su ricorso di alcuni rappresentanti della corrente che fa capo all’attuale leader nazionale, Nicola Zingaretti, ha annunciato la sua decisione su Facebook, gettando benzina sul fuoco della polemica fra la minoranza renziana e la nuova maggioranza post congresso di marzo. “Ora Zingaretti riferisca in Direzione: predica l’unità ed il superamento delle correnti, ma troppo spesso è condizionato dalla sua“, attacca il presidente dei senatori Pd, Andrea Marcucci. “Impensabile che il segretario politico entri nel merito delle decisioni della commissione di garanzia. E’ molto grave anche solo teorizzarlo ed è un modo sbagliato di fare battaglia politica interna in un momento come questo”, fanno sapere dal Nazareno a IlFattoQuotidiano.it.

Nel suo post su Facebook, Faraone è andato giù duro contro gli attuali vertici del partito. “Rimango iscritto al gruppo parlamentare del Pd, continuerò la battaglia per la mia gente e contro questo governo e contro ogni inciucio coi Cinque Stelle”, ha scritto, facendo riferimento ad alcuni rumors che vorrebbero Zingaretti propenso a possibili accordi con un M5S “desalvinizzato” (circostanza costantemente smentita dal presidente del Lazio). “Evidentemente al ‘nuovo Pd’ danno fastidio le battaglie che io ho fatto, ultima delle quali la marcia tra Ragusa e Catania per attaccare il Governo nazionale. O la richiesta della mozione di sfiducia a Salvini contro il quale ho schierato il Pd siciliano a testa alta”, dice ancora, ammiccando all’altro terreno di scontro di queste ore fra renziani e zingarettiani. Su cui aggiunge:  “Se non lo sfiduciamo oggi, quando lo sfiduciamo un ministro del genere? Ma il nuovo Pd non ha voglia di sfiduciare Salvini, avendo come priorità quella di sfiduciare Davide Faraone”.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.