Giustizia

“Codice rosso”. Introdotti nuovi reati, dal revenge porn allo sfregio. Ecco tutte le novità

"Codice rosso". Introdotti nuovi reati, dal revenge porn allo sfregio. Ecco tutte le novità

“Codice rosso”. Introdotti nuovi reati, dal revenge porn allo sfregio. Ecco tutte le novità

Varato dal Consiglio dei ministri a fine novembre del 2018, fortemente sostenuto dalla ministra leghista Giulia Bongiorno e dal Guardasigilli, il pentastellato Alfonso Bonafede, il testo del provvedimento che prevede una “corsia preferenziale” e un iter velocizzato per le denunce, è stato poi profondamente cambiato con l’aggiunta di numerosi articoli durante l’iter in commissione Giustizia di Montecitorio.

Ma è in occasione dell’esame da parte dell’Aula della Camera che sono state inserite novità rilevanti, come il reato di revenge porn. Norma, questa, inizialmente al centro di un duro scontro tra maggioranza e opposizioni, schierate compatte a favore dell’inserimento dello specifico reato di diffusione di video e immagini intime e private nel ddl sulla violenza di genere. La maggioranza, M5s in testa, in un primo momento si è opposta alla modifica, spingendo invece per il ddl ad hoc sul revenge porn all’esame del Senato, per poi aprire alle richieste delle forze di minoranza e votare all’unanimità a favore dell’inserimento del reato già in questo provvedimento. Sparisce dal testo invece ogni riferimento all’ipotesi della castrazione chimica (volontaria) per le persone condannate per reati sessuali, che invece – come annunciato nei giorni scorsi dalla maggioranza – sarà oggetto di un nuovo provvedimento ad hoc.

Salvini commenta su Twitter: «Più sicurezza e protezione per le donne»

«Più sicurezza e protezione per le donne vittime di violenza: grazie al #CodiceRosso, i magistrati dovranno ascoltarle entro tre giorni dalla denuncia! Altra promessa mantenuta dalla Lega. P.S. La sinistra non ha votato a favore, parlano parlano ma quando serve se ne fregano». Lo scrive su twitter il ministro dell’Interno, Matteo
Salvini.
Critiche da parte delle opposizioni: «Strumento insufficiente»
L’opposizione contesta gli effetti positivi annunciati del ddl, perché «è una legge a costo zero e non stanzia risorse». «Lo dico con rammarico: purtroppo abbiamo perso l’occasione di fare del Codice Rosso uno strumento davvero utile a contrastare il drammatico fenomeno della violenza sulle donne. La maggioranza non ha nemmeno voluto prendere in considerazione uno solo degli emendamenti che abbiamo proposto: hanno bocciato in maniera burocratica e arrogante tutti i nostri emendamenti, senza mai entrare nel merito. Eppure molti nostri suggerimenti provavano a dare voce alle tantissime perplessità espresse da chi lavora nei centri antiviolenza, degli avvocati e dei magistrati, degli operatori, degli ufficiali di polizia giudiziaria di quanti o hanno a che fare con il contrasto alla violenza di genere». Lo dice la senatrice del Pd Valeria Valente, presidente della commissione sul femminicidio. «Nel merito questa legge – prosegue Valente – affronta temi importanti, ma anche secondo gli operatori lo fa in maniera insufficiente. Così è per il collegamento del procedimento civile a quello penale, così è per la formazione per gli operatori: come si può attuare con una spesa invariata? Volevamo rafforzare le misure di tutela e protezione e quelle di contrasto al revenge porn, alla lesione del viso, ai matrimoni forzati, la maggioranza non ce l’ha permesso. E poi la norma principale: i 3 giorni concessi al magistrato per intervenire minano l’efficacia delle indagini, rischiano la vittimizzazione secondaria delle donne e anche di intasare le procure, soprattutto mettendo in seria discussione la possibilità di avvalersi di magistrati specializzati. Purtroppo ancora una volta è prevalsa la logica della propaganda su quella del buon governo».

I sindacati: «Non ci si concentri solo sulla repressione, si investa sulla prevenzione»
«L’approvazione del »Codice Rosso« è un’occasione mancata per fare un vero passo avanti sul tema della violenza maschile contro le donne. Pur apprezzando l’introduzione di fattispecie di reato importanti come il »revenge porn«, i matrimoni forzati e le lesioni permanenti del viso, riscontriamo che le criticità che avevamo avanzato, durante le audizioni, non sono state prese in considerazione». Così in una nota i segretari confederali Cgil, Cisl e Uil Giorgia Fattinnanzi – Liliana Ocmin – Alessandra Menelao. «In particolare, ci preoccupa l’ascolto della vittima entro tre giorni, perché rappresenta un’arma a doppio taglio – aggiungono Il momento successivo alla denuncia è quello a più alto rischio per la vittima poiché essa è lasciata sola. Riteniamo che la donna debba sentirsi protetta e sostenuta. Talvolta la donna non sentendosi adeguatamente salvaguardata ritratta la denuncia. Inoltre, si rifà strada l’idea che la vittima menta, che usi la denuncia per violenza come vendetta nei confronti dell’ex compagno». Ai sindacati non convince l’istituzione dell’Osservatorio presso il Ministero di Grazia e Giustizia: «Riconduce questo tema a fatto da risolvere solo sul piano repressivo, mentre la battaglia che stiamo portando avanti è culturale e riguarda i temi della prevenzione, della protezione, della punizione e delle politiche integrate. Per questo riteniamo importante agire correttamente sul piano formativo in particolare per quanto riguarda la formazione degli operatori di polizia, dei carabinieri dei magistrati e di tutti gli operatori che a vario titolo hanno a che fare con le vittime di violenze. Vogliamo ricordare che è stato appena svolto un censimento dei centri antiviolenza, sostenuto con fondi pubblici, che rischia di essere inutile perché il »Codice Rosso« non annovera i risultati del censimento all’interno della norma. Infine, il codice rosso ha un’invarianza di spesa e questo ne riduce di fatto la sua efficacia e portata».

CORSIA PREFERENZIALE E PROCESSI PIÙ VELOCI
La nuova legge introduce una corsia veloce e preferenziale per le denunce e le indagini, alla stregua di quanto avviene nelle strutture di pronto soccorso per i pazienti più gravi. Per i reati sessuali, il ddl prevede che «la comunicazione della notizia di reato è data immediatamente anche in forma orale. Alla comunicazione orale deve seguire senza ritardo quella scritta con le indicazioni e la documentazione previste». Il pubblico ministero ha tre giorni dall’iscrizione della notizia di reato per assumere informazioni, con eccezioni se la vittima è un minore. Quanto alla polizia, deve agire «senza ritardo» per il compimento di tutti gli atti del pubblico ministero. Altra novità importante, voluta di 5 stelle, è l’allungamento dei tempi per sporgere denuncia: la vittima ha 12 mesi, non più solo 6, per sporgere denuncia dal momento della violenza sessuale subita.
REVENGE PORN
Dopo un duro scontro tra maggioranza e opposizioni sull’inserimento nel ddl del reato di revenge porn, è stato approvato all’unanimità nel corso dell’esame alla Camera un emendamento che introduce un nuovo articolo nel codice penale, il 613 ter, subito dopo il reato di stalking. Nello specifico, si introduce il reato di «Diffusione illecita di immagini o video sessualmente espliciti». L’articolo prevede che chiunque, dopo averli realizzati o sottratti, invia, consegna, cede, pubblica o diffonde immagini o video a contenuto sessualmente esplicito, destinati a rimanere privati, senza il consenso delle persone rappresentate, è punito con la reclusione da uno a sei anni e la multa da 5 mila a 15 mila euro. La stessa pena si applica a chi, avendo ricevuto o comunque acquisito le immagini o i video li invia, consegna, cede, pubblica o diffonde senza il consenso delle persone rappresentate al fine di recare loro nocumento. La pena è aumentata se i fatti sono commessi dal coniuge, anche se separato o divorziato, o da persona che è o è stata legata da relazione affettiva alla persona offesa ovvero se i fatti sono commessi attraverso strumenti informatici o telematici. La pena è aumentata da un terzo alla metà se i fatti sono commessi in danno di persona in condizione di inferiorità fisica o psichica o in danno di una donna in stato di gravidanza. Il delitto è punito a querela della persona offesa. Il termine per la querela è di sei mesi. La remissione della querela può essere soltanto processuale».
SFREGIO DEL VOLTO
Viene introdotto nel codice penale il reato di sfregio del volto. Chiunque cagiona ad altri una lesione personale dalla quale derivano la deformazione o lo sfregio permanente del viso è punito con la reclusione da otto a quattordici anni di carcere.

NO A CASTRAZIONE CHIMICA
La Lega, alla Camera, attraverso un emendamento poi ritirato per ’salvaguardare’ la tenuta del governo e non aprire un nuovo fronte con i 5 Stelle fermamente contrari alla norma, mirava ad introdurre nel ddl la possibilità, per il condannato per reati sessuali, di sottoporsi volontariamente a castrazione farmacologica temporanea e reversibile per ottenere la sospensione condizionale della pena. Il fronte comune dei pentastellati con le opposizioni (fatta eccezione per FdI) ha impedito che l’Aula dovesse votare la norma. Ma sulla materia il M5S ha promesso ai leghisti la definizione di un provvedimento ad hoc.

FORMAZIONE FORZE DELL’ORDINE
Devono essere istituiti specifici corsi di formazione destinati al personale che esercita funzioni di pubblica sicurezza e di polizia giudiziaria, sia sul fronte della prevenzione che su quello del perseguimento dei reati. La frequenza dei corsi è obbligatoria.

STOP A MATRIMONI IMPOSTI E SPOSE BAMBINE
«Dedico questa vittoria alla memoria di Farah e di Sana, uccise dai loro parenti perchè volevano vivere libere», sono le parole di Mara Carfagna (FI), autrice dell’emendamento approvato dalla Camera e trasformato in un articolo aggiuntivo del ddl ’codice rossò. Il testo prevede il divieto dei matrimoni o delle unioni civili per coercizione. La pena è del carcere da uno a un massimo di cinque anni, pena aumentata se si tratta di minori. Il delitto è punibile anche se è commesso all’estero in danno di un cittadino o di uno straniero legalmente residente in Italia al momento del fatto.

SOSTEGNO A ORFANI FEMMINICIDIO
Gli affidatari di orfani di femminicidio hanno diritto a un sostegno, anche economico, da parte dello Stato. Anche in questo caso si tratta di un emendamento di Forza Italia, approvato alla Camera.

INASPRIMENTO PENE REATI SESSUALI, ANCHE LO STALKING
Il ddl inasprisce tutte le pene previste attualmente dal codice penale per i reati sessuali, compreso lo stalking. Per i maltrattamenti in famiglia e la minaccia si va da 3 fino a 7 anni di carcere. La pena è aumentata se il reato è commesso davanti ad un minore o donna in stato di gravidanza o è persona con disabilità. Per lo stalking la pena massima passa da 5 anni di carcere a 6 anni e sei mesi. Viene prevista la pena dell’ergastolo sei i reati sessuali vengono commessi da persona legata da una relazione affettiva con la vittima, anche se cessata, o si trattava di convivente o coniuge, anche se separato o divorziato. Per la violenza sessuale la pena massima sale da 10 a 12 anni di carcere. Valgono le aggravanti, con relativo aumento di pena, se la violenza è commessa dall’ascendente, genitore, anche adottivo, o tutore; se la vittima è minorenne. Aumentate anche le pene per atti sessuali con minori. La pena massima per la violenza sessuale di gruppo sale da 12 a 14 anni. L’aumento della pena massima per il delitto di atti persecutori è dagli attuali 5 anni a 6 anni e 6 mesi. Per i reati di maltrattamenti contro familiari e conviventi si applicano le norme antimafia e, quindi, sono possibili misure cautelari di prevenzione.

PERCORSI DI “RECUPERO” PER I CONDANNATI
Se il condannato per un reato sessuale vuole ottenere la sospensione condizionale della pena, deve partecipare a specifici percorsi di recupero presso enti o associazioni che si occupano di prevenzione, assistenza psicologica e recupero di soggetti condannati per reati sessuali. Il costo dei percorsi di recupero, qualora l’ente non abbia una convenzione con lo Stato, è a carico del condannato.

TRASMISSIONE OBBLIGATORIA DI PROVVEDIMENTI AL GIUDICE CIVILE
Se sono in corso procedimenti civili di separazione dei coniugi o cause relative all’affidamento di minori o relative alla responsabilità genitoriale, il giudice penale deve trasmettere, senza ritardo, al giudice civile copia dei seguenti provvedimenti, adottati in relazione a un procedimento penale per un delitto di violenza domestica o di genere: ordinanze relative a misure cautelari personali, avviso di conclusione delle indagini preliminari, provvedimento di archiviazione, sentenza.

INFORMAZIONI ALLA VITTIMA
Il ddl introduce una serie di obblighi di informazione a tutela della vittima che devono essere effettuati in tempi rapidi. Si prevede, ad esempio, che deve essere effettuata obbligatoriamente la comunicazione alla persona offesa da un reato di violenza domestica o di genere e al suo difensore, circa l’adozione di provvedimenti di scarcerazione, di cessazione della misura di sicurezza detentiva, di evasione (la legge attuale prevede che la comunicazione sia fatta solo su richiesta). Così per la misura dell’allontanamento dalla casa familiare e il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa. La revoca o la sostituzione di misure coercitive o interdittive a carico dell’indagato deve essere immediatamente comunicata alla vittima.

BRACCIALETTO ELETTRONICO
Viene modificata la misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa: si può ricorrere, per consentire al giudice di garantire il rispetto della misura coercitiva, a misure di controllo mediante mezzi elettronici o altri strumenti tecnici, ad esempio il braccialetto elettronico.

2 risposte »

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.