Europa

Salvini vuole Giorgetti commissario Ue: 3 ostacoli per il leghista

Giorgetti: “Con M5s si discute tutti i giorni ma molto spesso vincono le nostre idee”

Giancarlo Giorgetti

Il commissario italiano “se è in sala, ci sarà anche l’anno prossimo”, da commissario europeo s’intende. Matteo Salvini parla all’assemblea di Confartigianato e piazza il suo uomo per Bruxelles: il sottosegretario Giancarlo Giorgetti, seduto in platea. Forte del 34 per cento alle europee che lo ha portato a essere il leader del primo partito di governo, il vicepremier pianta la sua pedina nell’unica casella a disposizione dell’Italia: il commissario europeo che le tocca di diritto come spetta a tutti i 28 Stati Ue. Ma sul cammino di Giorgetti verso Palazzo Berlaymont ci sono almeno tre ostacoli. Ci sarebbero sulla strada di qualunque leghista candidato a un incarico in una istituzione europea. E’ per questo che ieri il ministro leghista Lorenzo Fontana, ex eurodeputato, era ‘in missione’ a Bruxelles per incontrare alcuni sherpa tedeschi del Ppe e cercare di aprire la strada al commissario della Lega.

Il primo: il presidente della Commissione. Quando verrà eletto – a metà luglio dall’Europarlamento a Strasburgo, ma le trattative tra i leader sono ancora in altissimo mare – il presidente sceglierà la squadra, in accordo con i governi nazionali. Ma è chiaro che dovrà verificare di avere un buon rapporto con i Commissari. Vorrà conoscerli uno a uno, se non li conosce già. Giorgetti non ha avuto incarichi europei finora, dunque è personalità abbastanza sconosciuta a Bruxelles. Nel suo caso, è chiaro che il presidente dovrà avere un surplus di valutazione.

Il secondo ostacolo non è da poco. La Lega, come il M5s, è fuori dai giochi di alleanze nell’Europarlamento. Dunque il rischio è che qualsiasi leghista non riesca a passare il test in Commissione e in aula, che dovranno esprimersi con due votazioni distinte sui singoli commissari. La prima, anche sulle competenze. Il candidato dovrà dimostrare di conoscere i dossier europei a menadito. La trappola è sempre dietro l’angolo, in quello che in genere è un vero e proprio interrogatorio. E in questo caso, l’aggravante – per come la vedono a Bruxelles – è il colore politico: leghista, marchio sovranista contro il quale la nuova maggioranza parlamentare (Ppe, socialisti, liberali e Verdi: è da questi gruppi che si formerà) ha costruito un vero e proprio ‘cordone sanitario’. Il nuovo presidente della Commissione vorrà esporsi al rischio di veder bocciato uno della sua squadra in Parlamento?

Domanda aperta. Di esempi di bocciatura ce ne sono nella storia europea. Di esempi italiani, il pluri-citato caso di Rocco Buttiglione, commissario designato nel 2004 e bocciato dall’Europarlamento per le sue dichiarazioni omofobe. E qui veniamo al terzo ostacolo: il portafoglio. Buttiglione era designato alla Giustizia, competenza evidentemente particolarmente problematica date le dichiarazioni finite sotto accusa. Tornando a Giorgetti, il rischio è che magari riesca anche ad arrivare in Commissione, superando i primi due ostacoli, ma con un portafoglio ‘leggero’.

Nel governo italiano, anche la parte pentastellata considera ormai legittima la richiesta di Salvini di esprimere un commissario leghista, alla luce dei risultati delle europee. E Salvini pensa a Giorgetti perchè è considerato il ‘moderato’ della Lega, il più diplomatico. Se ne parlò in questi termini l’anno scorso quando nacque il governo con la Lega, Giorgetti infatti finì nel ruolo delicato di sottosegretario alla presidenza del Consiglio. Ma non è detto che le ragioni politiche italiane superino il test europeo. Anzi: i test.

4 risposte »

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.