Giustizia

Dopo il divieto all’aborto, l’Alabama approva pure la castrazione chimica

Dopo il divieto all'aborto, l'Alabama approva pure la castrazione chimica

Kay Ivey

Alabama, passa la legge sulla castrazione chimica, dopo il dievieto all’aborto. La governatrice repubblicana, Kay Ivey, ha firmato una legge che impone ai condannati per reati sessuali contro i minori di 13 anni di iniziare la castrazione chimica un mese prima della loro scarcerazione. Secondo quanto prevede il provvedimento, gli interessati dovranno continuare inoltre il trattamento finché una corte non lo riterrà più necessario e obbliga i trasgressori a pagare il trattamento. «La legge è un passo verso la protezione dei bambini in Alabama», ha commentato Ivey.

Il provvedimento è stato approvato da entrambe le camere del Parlamento dell’ Alabama alla fine del mese scorso, dopo che è stata avanzata dal repubblicano Steve Hurst. La legislazione definisce la castrazione chimica come «la somministrazione di farmaci che riducono, inibiscono o bloccano la produzione di testosterone, ormoni o altre sostanze chimiche» al fine di rimuovere l’interesse sessuale e rendere impossibile ad una persona compiere atti sessuali. Secondo la legge, se un determinato autore del reato sceglie di non ricevere più il trattamento, sarà in violazione della libertà condizionale e sarà costretto a tornare in carcere. L’uso della castrazione chimica è controverso a livello internazionale e i critici sostengono che violi i diritti umani.

Categorie:Giustizia, Sanità

Con tag:,

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.