Parlamento

Riformisti e Populisti

Populisti e riformisti

Populisti e riformisti

La terza repubblica è ancora lontana; anche se è innegabile che stiamo vivendo una sua fase preparatoria. Il novecento è finito da diciannove anni e la seconda repubblica almeno da cinque e siamo qui a capire dove vogliamo andare.

Quello che ci farà andare oltre è capire quali sono i nuovi parametri e sopratutto non fare ancora i propri calcoli con i vecchi. No, non sto parlando del fatto  che adesso ci sono tre poli/coalizioni; mentre siamo abituati ad averne due nella prima e nella seconda repubblica. Questo è semplicemente il motivo per il quale non siamo ancora effettivamente nella terza: perchè non si sono ancora formati stabilmente i due poli di riferimento. Però ci sono!

Ci sono e non sono destra e sinistra; ma populisti e riformisti. Andiamo per ordine: ci sono diversi gradi di populismo e di riformismo esattamente come c’erano diversi gradi di destra e di sinistra. Il problema che un polo riformista e un polo populista non si sono ancora pienamente formati; mentre quelli di destra e di sinistra, anche se nella mente dei più ormai sono desueti.

Nel polo di centrodestra vengono considerati la Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia. Ma i primi due stanno cercando in un prossimo futuro di governare da soli e infatti sono populisti; Forza Italia è riformista. Nel centrosinistra è dal 2008 che non c’è piú possibilità di una sinistra unica. Quando Romani Prodi cercò di mettere insieme chiunque e provocò solo danni. E l’esperienza di LeU è fallita proprio perché era un insieme tra la sinistra riformista (Mdp) e di quella estremista (Sinistra Italiana) solo nel nome dell’antirenzismo. Ma ormai queste due sinistre sono due mondi diversissimi. Per Potere al Popolo, ad esempio Pd e Lega sono la stessa cosa. Il dramma è stato proprio quello che nel Pd hanno fatto la guerra all’unico leader che avevano solo perchè voleva portarli nella Terza Repubblica e costruire un’alleanza di tutti i riformisti. Sinistra Italiana, Prc, Potere al Popolo ecc non si alleeranno mai più col Pd. Con buona pace della “ditta”.

I populisti nella costruzione della loro coalizione sono in vantaggio con la parte destra (Lega e Fdi) che ne fa il perno. Con i decenni arriveranno anche quello che nascerà anche dal M5s (non quello attuale), Prc, Sinistra Italiana e Potere al Popolo. I riformisti hanno un grande problema e si chiama Silvio Berlusconi. E il problema dell’attuale maggioranza del Pd sta proprio nel capire che il futuro è allearsi con la forza politica che più hanno combattuto nella precedente repubblica: Forza Italia. Poi, farlo con Berlusconi ancora in campo è ancora più indigeribile. Ma è innegabile che il Pd, la parte liberale di esso che prima o poi diventerà un partito, Più Europa, Forza Italia e i centristi sparsi di Casini e Lorenzin saranno una futura coalizione.

Il mondo ormai non si divide più tra destra e sinistra, ma tra populisti e riformisti. Se non si capisce questo concetto non si tornerà ad essere votati dal popolo. Dagli operai ad esempio…

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.