Europa

Fischi e urla sul rinsaldato asse franco-tedesco. Proteste alla firma del trattato di Aquisgrana tra Merkel e Macron

Fischi e urla sul rinsaldato asse franco-tedesco. Proteste alla firma del trattato di Aquisgrana tra Merkel e Macron
Angela Merkel,e Emmanuel Macron

La cancelliera tedesca Angela Merkel ha dato il benvenuto ad Aquisgrana agli ospiti della cerimonia della firma del Trattato che rilancia l’amicizia franco-tedesca e corrobora la collaborazione fra i due partner. Durante i saluti, sullo sfondo, si sono levati fischi e urla di protesta di una manifestazione di piazza.

Il presidente francese Emmanuel Macron, arrivato in ritardo, è stato ricevuto da Angela Merkel, e dal presidente del Land Armin Laschet. Anche nei suoi confronti, come nel caso degli altri, dalla piazza sono arrivati fischi urla e cori di protesta.

I due leader non hanno comunque rinunciato alla foto e hanno salutato con la mano, sorridendo, i contestatori.

Angela Merkel e Emmanuel Macron hanno firmato il trattato di Aquisgrana, che rilancia l’amicizia e la collaborazione franco-tedesca. Prima dei due leader, il trattato è stato firmato dai ministri degli Esteri di Francia e Germania. Si tratta dell’intesa che rilancia il contratto dell’Eliseo, che nel 1963 fu firmato da Korad Adenauer e Charles de Gaulle. Sono presenti alla cerimonia, fra gli altri, il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, e il presidente della Romania, paese che ha la presidenza europea. Subito dopo sono stati eseguiti l’inno francese, quello tedesco e quello europeo.

Circa 120 gilet gialli hanno protestato stamani ad Aquisgrana, a margine della firma del trattato dell’amicizia franco-tedesco. Secondo la Dpa si sarebbe trattato per la maggior parte di cittadini tedeschi. A contro-manifestare, nelle stesse strade, ci sono stati anche 200 rappresentanti del movimento civico europeista Pulse of Europe.

I gilet gialli, che da mesi agitano la Francia e chiedono le dimissioni di Emmanuel Macron, hanno contestato in particolare il presidente francese e la cancelliera Angela Merkel, con fischi e slogan, all’arrivo.

Il presidente francese, Emmanuel Macron, ha lanciato l’allarme sul nazionalismo che minaccia l’Ue, sottolineando che il pericolo si annida anche all’interno “della nostra società”. “Il nostro comune obiettivo dev’essere che l’Europa diventi lo scudo di protezione dei nostri popoli contro le bufere del mondo”. L’amicizia franco-tedesca, ha aggiunto il capo dell’Eliseo, e i “comuni progetti e obiettivi rendono possibile prendere le nostre vite nelle nostre mani e costruire liberamente il nostro destino”. Poco prima Angela Merkel aveva detto che il nuovo Trattato franco-tedesco è “la comune risposta al rafforzamento del populismo e del nazionalismo”. In questi “tempi così particolari” sono necessarie riposte “decise, chiare e proiettate al futuro”, aveva spiegato ancora la cancelliera tedesca.

Il nuovo trattato di cooperazione franco-tedesca vuole dare “un contributo” alla creazione di un esercito europeo, ha aggiunto la cancelliera tedesca. La Francia e la Germania “danno un contributo alla creazione di un esercito europeo” con questo testo, ha detto Merkel, citando in particolare lo sviluppo di una “cultura militare e di una industria comune degli armamenti”.

2 risposte »

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.