Ambiente

“La grande Monnezza”, la video denuncia di Maria Amelia Monti e Angela Finocchiaro

Maria Amelia Monti e Angela Finocchiaro in “La grande monnezza”

Due milanesi a Roma. Intente non a farsi selfie sullo sfondo del Colosseo o dell’erede di Spelacchio in piazza Venezia. Ma immortalate sul set principe della Capitale: quello dell’immondizia. Cosí Maria Amelia Monti e Angela Finocchiaro appaiono nel video postato su Facebook in cui sono alle prese con una raccolta piú che differenziata “parecchio differente” fra montagne di sacchi che da settimane arredano la Città eterna. In questo caso piú che di raccolta sarebbe meglio parlare di gara alla ricerca del rifiuto corretto che le due attrici protagoniste della Tv delle ragazze vorrebbero portare a termine. Quello che segue è uno sketch divertente che sarebbe surreale se non fosse specchio dell’attuale realtà romana on the road. Che si traduce in una delle frasi che ultimamente circola con piú insistenza sui social: «La città è lercia ovunque, la spazzatura è democratica».

“La spazzatura è democratica”
Monti e Finocchiaro, entrambe di origini meneghine, non vogliono arrendersi e allora eccole sul web mentre si ingegnano a compiere quella che sembra davvero una missione impossibile: dividere diligentemente organico, plastica e dintorni davanti a un gruppo di secchioni strapieni di monnezza. Che (non) basta ma avanza abbondantemente sul marciapiede completamente invaso da sacchetti in libertà non vigilata, accanto a una eloquente colonnina dell’Sos e a un passo dalla fermata dell’autobus. La gag continua con le cattive ragazze che vorrebbero tanto fare le brave cittadine ma proprio non ci riescono, mentre vanno di qua e di là cercando di mettere ogni cosa al posto giusto. In un esilarante, quanto amaro balletto di buste all’ultimo cassonetto.

Il filmato è stato pubblicato da Maria Amelia Monti (che nella Capitale ci abita a differenza della Finocchiaro che vive in Toscana) sulla sua pagina Fb e intitolato

“La Grande Monnezza”.
«Roma -si legge nel post di presentazione – ha raggiunto un picco di disorganizzazione e spazzatura alla fine del 2018. Iniziamo il 2019 con il passo giusto…Vogliamo Roma pulita, condividete». Alla fine ci sono i «chiamati in causa» con Virgina Raggi e Matteo Renzi. News seguiti, fra gli altri, da Matteo Salvini e Francesco Totti.

Emergenza rifiuti in tutti i quartieri
L’emergenza immondizia intanto nella Capitale rimane tale, sia in centro che in periferia. E sono tanti i residenti di zone finora considerate “di pregio” dalla Cassia al Fleming, dai Paroli alla Balduina che stanno pensando a una class action. Prima di Capodanno il procuratore aggiunto Nunzia D’Elia e il pubblico ministero Carlo Villani avevano avviato un’inchiesta, al momento contro ignoti, partita dall’esposto di diversi comitati di quartiere con testimonianze, foto e filmati di una situazione divenuta insostenibile. L’ipotesi di reato formulata è quella di «getto pericoloso di cose» che punisce chiunque «getti o versi, in un luogo pubblico cose atte a offendere o imbrattare o molestare persone». Reato che è possibile estinguere con un’ammenda ma che nei casi gravi prevede l’arresto fino a un mese di reclusione. Prosegue anche l’inchiesta sull’incendio del l’impianto di trattamento rifiuti Tmb Salario. Oltre ai roghi dei cassonetti segnalati dall’Ama la municipalizzata della nettezza urbana di Roma che ha parlato di un «fenomeno in crescita durante i giorni delle festività di fine anno e che crea gravi danni ai servizi di raccolta dei rifiuti e alla collettività».

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.