Parlamento

Discorso fine anno, Mattarella: “Contro Xenofobia e nazionalismo”

Discorso Mattarella: tutti contenti tranne Grillo
Sergio Mattarella

Anche l’esaltazione dei “buoni sentimenti” e dei valori “positivi” è politica. Quello della comunità, che significa “condividere valori, prospettive, diritti e doveri” e pensarsi dentro un “destino comune”. Il “rispetto gli uni degli altri” che vuol dire battersi certo per le proprie idee, ma “rifiutare l’astio, l’insulto, l’intolleranza, che creano ostilità e timore”. L’Italia “che ricuce e dà fiducia”, come fanno le realtà del terzo settore, inopinatamente tassate dal governo, misura da evitare perché equivarrebbe a una “tassa sulla bontà”.

C’è, nel discorso di fine anno del capo dello Stato, parafrasando Gobetti, una “certa idea dell’Italia”, di un paese che ha nella sua cultura e nella sua storia i principi della solidarietà, della convivenza civile, profondamente diverso dal paese rabbioso e incattivito descritto nell’ultimo rapporto del Censis. E profondamente diverso, nel primo anno dell’era sovranista, dall’iconografia di una politica muscolare e cattivista, divisiva nei toni e nei atti, in cui l’altro, più che una risorsa, diventa una minaccia. La politica, insomma, come fabbrica dell’odio rivolta a curve da aizzare nei loro istinti primordiali, non come governo ragionevole e razionale: “Il modello di vita dell’Italia – dice Mattarella – non può essere e non sarà mai quello degli ultras violenti degli stadi di calcio, estremisti travestiti da tifosi. Alimentano focolai di odio settario, di discriminazione, di teppismo”.

Odio è una parola che ricorre più volte nel discorso, come sempre quando un termine diventa la cifra di un’epoca e racchiude lo spirito dei tempi, segnati dalla ricerca e dalla costruzione del nemico. All’Italia dell’odio il capo dello Stato contrappone l’Italia che crede nella comunità e “l’Europa dei diritti, della convivenza, della pace” e l’auspicio, a proposito di nemici, che la campagna elettorale per le europee si “svolga con serenità” e sia “l’occasione per un confronto serio”. Non, appunto, un altro stadio per amplificare i cori delle curve.

Ecco il senso della “retorica dei buoni sentimenti” di cui parla Sergio Mattarella: non un buonismo di maniera, ma un affondo mite e unitario verso chi ha la forza del consenso, usata finora come esercizio divisivo del potere più che come costruzione di un senso comune. Una narrazione che, nei toni e nei principi, è l’opposto del salvinismo, della retorica securitaria e della gigantesca macchina della paura alimentata a prescindere dai risultati. Proprio il passaggio della sicurezza è, forse, politicamente il più severo. E non solo perché il capo dello Stato sottolinea che la sicurezza “parte da un ambiente in cui tutti si sentano rispettati e rispettino le regole del vivere comune” e, dunque, non “c’è sicurezza se non c’è comunità”. Ma, sia pur in modo felpato, Mattarella stavolta va oltre. Quasi sfidando Salvini sul suo terreno, perché la “domanda c’è” ed “è forte” – come dire: questo è un dato di fatto che resta irrisolto al di là dei proclami – ma, ecco il punto, “non sono ammissibili zone franche dove la legge non è osservata e si ha talvolta l’impressione di istituzioni inadeguate, con cittadini che si sentono soli e indifesi”. Impressione di istituzioni inadeguate: frase che lascia, nell’ascoltatore, la facoltà di pensar male – certe volte ci si indovina – a proposito di un ministro dell’Interno impegnato più nei comizi che nel suo lavoro al Viminale. E più attivo su twitter che nella gestione dei dossier.

Discorso asciutto, breve, una dozzina di minuti, etico nel suo taglio, coerente con l’ispirazione poco interventista di questo capo dello Stato, che ha espunto dal suo repertorio moniti, bacchettate, sermoni pedagogici alla politica. E anche un certo protagonismo nella gestione della crisi, nella costante attenzione a non dare a chi governa l’alibi che c’è qualcuno che vuole impedire il libero e sacrosanto esercizio della volontà popolare. Anche il passaggio, forse il più atteso, sullo strappo che si è consumato attorno una manovra presentata la sera e votata di notte, senza neanche il tempo di leggerla, è un invito alla ricomposizione futura più che la denuncia di uno strappo già consumato. Di fronte alla “grande compressione dell’esame parlamentare e la mancanza di un opportuno confronto”, Mattarella si limita ad auspicare, a manovra promulgata, che “Parlamento, governo e gruppi politici trovino il modo di discutere costruttivamente su quanto avvenuto e assicurino per il futuro condizioni adeguate di confronto”. Molto indulgente, magari, per le opposizioni che hanno denunciato l’umiliazione del Parlamento, magari indulgente anche per i presidenti di Camera e Senato che non hanno impedito forzature, in definitiva un approccio che sa di realpolitik, perché Parigi val bene una messa e aver evitato la procedura di infrazione è motivo sufficiente per chiudere l’anno con un sospiro di sollievo, e non con un rimprovero. E solo con una incisiva evocazione di un patrimonio di principi e valori, da tenere vivo, in attesa di tempi migliori. Buon anno.

È un plauso bipartisan da parte della politica alle parole del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Il tradizionale discorso di fine anno del capo dello Stato viene accolto da un coro di condivisioni, anche se ognuno sottolinea un passaggio piuttosto che un altro, e le opposizioni notano soprattutto il richiamo alla centralità del Parlamento, dopo le dure proteste per i tempi ristretti dedicati all’esame della manovra.

Anche dal governo arrivano giudizi positivi su diversi passaggi dell’intervento, con il titolare del Viminale – fra i primi a commentare – che spiega di “condividere le riflessioni del Presidente e le faccio mie, col lavoro che ho già fatto e quello che farò nei prossimi mesi”. Matteo Salvini cita espressamente “più sicurezza, più lavoro, più attenzione agli ultimi, diritto alla salute, allo studio e ad uno sport sano e civile, un’Europa diversa più attenta ai cittadini e non più schiava della finanza e delle multinazionali”.

“Come ha appena affermato il Presidente Mattarella, ‘Sentirsi ‘comunità’ significa condividere valori, prospettive, diritti e doveri. Significa responsabilità, perché ciascuno di noi è, in misura più o meno grande, protagonista del futuro del nostro Paese”, spiega il premier Giuseppe Conte.

Il leader pentastellato, Luigi Di Maio, garantisce che “l’attenzione a chi è più debole, l’importanza del lavoro e della sicurezza sono temi che, come Governo, continueremo a portare avanti”. Assicurando poi: “il nostro impegno è di non lasciare indietro nessuno e lo stiamo facendo con il Reddito di Cittadinanza e quota 100”.

Per la presidente del Senato, Maria Elisabetta Casellati, “le parole del Presidente Mattarella, con la forza della loro sobrietà e assieme della loro fermezza, ci richiamano sulla strada maestra che la democrazia deve seguire: una strada fatta di unità, condivisione, giustizia, sicurezza, tolleranza, equità”.

“Voglio ringraziare il Presidente Mattarella per le parole pronunciate stasera, in cui sono convinto tutti possono ritrovarsi. Sentirsi e andare avanti come una comunità che poggia su solidarietà, ascolto reciproco, senso di responsabilità, è fondamentale per la democrazia”, afferma il presidente della Camera, Roberto Fico, che tiene a sottolineare la “piena condivisione” del “ragionamento sulla sicurezza. La vera sicurezza si realizza, con efficacia, preservando e garantendo i valori positivi della convivenza, rispettando le regole e garantendo opportunità, vivibilità e futuro per i cittadini. E il pensiero ai cinque milioni di immigrati che vivono nel nostro Paese è sicuramente prezioso”.

“Grazie al Presidente Mattarella. Di nuovo ha dato voce alle speranze migliori dell’Italia. Di nuovo ha difeso le istituzioni che ci garantiscono la libertà. Di nuovo ha ricordato a tutti che non è con l’odio che si garantisce il futuro”, scrive in una nota il Presidente della Regione Lazio e candidato alla segreteria Pd, Nicola Zingaretti.

Per Maurizio Martina Mattarella ha fatto “un discorso esemplare”. Plaude Antonio Tajani: “Bene Mattarella che ci richiama al valore della comunità, che difende la centralità del Parlamento, il volontariato e la dignità delle divise, che chiede più Stato al Sud, che invita a ridurre il debito pubblico, che vuole un’Italia più influente nella Ue”. Per Mara Carfagna (FI), “il richiamo del Capo dello Stato al senso di comunità degli italiani per il bene comune e per lo sviluppo, ricorda a tutti noi i doveri e i privilegi della democrazia, che garantisce a tutti i cittadini diritti, equità, solidarietà, giustizia, sicurezza”.

Pietro Grasso osserva: “Le parole del Capo dello Stato indicano la strada per crescere e stare bene come comunità: solidarietà, sicurezza sociale, rispetto, accoglienza. Anche secondo me l’Italia positiva deve spazzar via la prepotenza delle mafie e l’arroganza del potere”. Infine, Giorgia Meloni giudica “equilibrato e ampiamente condivisibile” il discorso del Capo dello Stato. “In particolare mi ha stupito positivamente che non abbia accompagnato il doveroso passaggio sulle elezioni europee del prossimo maggio con un’ennesima invettiva retorica contro i sovranisti, come pure di recente è spesso capitato”.

1 risposta »

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.