Centrosinistra

Primarie Pd, Richetti lascia la corsa. Martina ringrazia e annuncia il ticket

Primarie Pd, Richetti lascia la corsa. Martina ringrazia e annuncia il ticket
Maurizio Martina e Matteo Richetti

Matteo Richetti, l’ottavo candidato alla segreteria del Pd, fa un passo indietro. Lascia la corsa e offre il suo sostegno al segretario uscente Maurizio Martina. “Ho chiamato Maurizio. Gli ho promesso lealtà e sostegno, ma gli ho chiesto radicalità e coraggio – spiega in una nota il senatore dem – Maurizio ha accettato di fare sue le nostre proposte e il nostro stile. I nostri elettori ci chiedono di tornare credibili. Serve una alternativa forte, inclusiva, responsabile”. Le primarie dem dovrebbero essere il 3 marzo, così come proposto dalla commissione. Solo una decisione della direzione nazioanale potrebbe cambiare data. Martina, da parte sua, ringrazia il nuovo alleato: “È la dimostrazione che ci si può unire anziché dividere. Oltre i tatticismi, i veti, le correnti, le convenienze”.

Il favorito nei sondaggi rimane il governatore Nicola Zingaretti, seguito a breve distanza dall’ex ministro dell’Interno Marco Minniti. In pista appunto Martina, che ha dichiarato in una recente intervista a Repubblica di partecipare alle primarie per non creare spaccature nel partito. Candidati anche Cesare Damiano, già responsabile Lavoro del Pd, Francesco Boccia (in quota Emiliano), Maria Saladino (Piazza Dem) e l’outsider Dario Corallo, esponente dei giovani democratici che si presenta come un “rottamatore 2.0”.

Mentre la commissione per il congresso è ancora riunita per elaborare una proposta sulle primarie (a cominciare dalla data) che sarà portata in direzione domani alle 13.30, c’è chi – come Roberto Giachetti – si mostra critico nei confronti dell’ipotesi che alle primarie nessuno prenda il 50,1% dei voti e che i candidati sui accordino per assegnare la vittoria comunque al più votato. In merito Giachetti twitta: “Non scherziamo. Lo statuto si cambia in Assemblea, non per accordi tra candidati. Potevate pensarci prima. Così come, se volevate anticipare il congresso, potevate deciderlo a luglio per farlo a ottobre o anticipare le dimissioni. Le regole si cambiano legalmente non violandole”.

La senatrice dem Monica Cirinnà polemizza invece sulla decisione di Richetti di andare in ticket con Martina: “Una scelta che chiarisce tanti equivoci più che adombrati nei giorni scorsi. La storia comune come portavoce di Renzi dell’uno e di vicesegretario di Renzi dell’altro va così a riunirsi in una proposta politica in piena continuità con renzismo del passato”. Pensiero condiviso anche dal senatore dem Antonio Misiani. 

Intanto Boccia propone di utilizzare il congresso per fare una grande campagna di adesione. “Apriamo il tesseramento online per superare le resistenze che molti militanti trovano, da Nord a Sud, nel potersi tesserare nel proprio circolo e, soprattutto, consentiamo di potersi iscrivere al Pd a tutti gli italiani che lo desiderano, fino al giorno del voto”, afferma il candidato alla segreteria.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.