Centrodestra

Pd, Minniti verso la candidatura alla segreteria: noi alternativi al M5S

Sicurezza per il G7 di Taormina
Marco Minniti

I candidati alla segreteria del Pd si scaldano a bordo campo, e soprattutto osservano le mosse degli avversari, in vista dell’assemblea nazionale che il 17 novembre avvierà formalmente la fase congressuale per eleggere il successore di Matteo Renzi. Ufficialmente in campo, per ora, il governatore del Lazio Nicola Zingaretti – appoggiato dalla sinistra del partito e da alcuni big della ex maggioranza renziana come Dario Franceschini, Luigi Zanda e, più tiepidamente e per così dire a distanza, Paolo Gentiloni -, il “diversamente renziano” Matteo Richetti, l’ex ministro del Lavoro di Prodi Cesare Damiano, Francesco Boccia per la corrente di Michele Emiliano e il giovane outsider Dario Corallo.

 Ma i veri competitor di Zingaretti devono ancora fare il passo ufficiale: il segretario uscente Maurizio Martina, appena tornato da Londra dove ha avuto una serie di incontri con i dirigenti del Labour Party tra cui il leader Jeremy Corbyn, sta seriamente valutando la sua candidatura; e a breve scioglierà la riserva l’ex ministro degli Interni Marco Minniti. Molto atteso l’evento di stasera, la presentazione del suo libro “Libertà è sicurezza” con il fondatore del Pd, Walter Veltroni, e l’ex braccio destro di Silvio Berlusconi, Gianni Letta. Ma l’annuncio ufficiale non ci sarà durante la presentazione del libro bensì la prossima settimana, a ridosso dell’assemblea del Pd.

Minniti è appoggiato da Renzi, che tuttavia preferisce restare in disparte rispetto alla battaglia congressuale, e da tutta l’area renziana del partito che questo fine settimana si riunirà a Salsomaggiore per il dare il via libera ufficiale alla sua candidatura. Ma l’ex responsabile del Viminale conta anche su una fitta rete di sindaci e amministratori locali, soprattutto al Sud ma anche in Lombardia: è lui, secondo i primi sondaggi, il vero competitor di Zingaretti. Quanto a Martina, la sua candidatura si pone in una posizione mediana e tende a togliere acqua a entrambi. Il segretario uscente potrebbe avere infine anche l’appoggio del capogruppo alla Camera, Graziano Delrio, che con Minniti ebbe più di una divergenza di vedute sulla gestione dell’emergenza immigrazione durante il governo Gentiloni.

Al momento non si intravedono grandi differenze programmatiche sui temi economici, fatta salva una maggiore attenzione al disagio sociale da parte di Zingaretti. Il confronto sembra partire più sul tema delle possibili alleanze: non a caso Minniti nei giorni scorsi, replicando indirettamente a Zingaretti che aveva descritto i pentastellati come «vittime» della Lega di Matteo Salvini, ha voluto ribadire l’alterità del Pd a entrambi i partiti uniti ora al governo. È pericoloso e autolesionistico per il Pd – è il ragionamento di Minniti, che riprende in questo le argomentazioni di Renzi – immaginare un bipolarismo tra i due diversi populismi, la Lega supportata da una Forza Italia rimpicciolita e il M5S alleato con un Pd altrettanto rimpicciolito. In una sorta di novella vocazione maggioritaria il Pd, nella visione minnitiana, deve aspirare a rappresentare la sinistra e i moderati che si riconoscono all’opposizione del governo giallo-verde lavorando fin da ora ad una alternativa credibile.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.