Economia

Trump colpisce l’Iran e ripristina le sanzioni. L’Ue: «Profondo rammarico»

Trump colpisce l'Iran e ripristina le sanzioni.
Donald Trump

Stavolta ad essere colpito è il cuore dell’economia dell’Iran. La nuova stretta Usa annunciata dall’amministrazione Trump è pronta ad entrare in vigore lunedì 5 novembre, alla vigilia delle elezioni di metà mandato. Si abbatterà sopratutto su petrolio e banche.

Questo nel tentativo di tagliare le gambe al governo di Teheran, anche se la Casa Bianca continua a ripetere che l’obiettivo non è quello di rovesciare il regime. Mentre la repubblica degli ayatollah minimizza: «Nessuna preoccupazione», afferma un portavoce del ministro degli esteri Javad Zarif. Saranno otto però i Paesi che potranno continuare a importare petrolio iraniano senza incorrere a loro volta nelle sanzioni Usa, e tra questi – secondo quanto riporta l’Associated Press citando fonti ufficiali americane – potrebbe esserci anche l’Italia, insieme ad altri Paesi alleati come Giappone, Corea del Sud, India. La lista potrebbe poi comprendere anche stati come la Cina e la Turchia. Mentre nessun altro Paese europeo dovrebbe godere dell’esenzione: uno schiaffo al Vecchio Continente che sul dossier Iran continua ad esprimere fortissime critiche sulla linea dura dell’amministrazione Trump.

Ad essere ripristinate in pratica saranno tutte le sanzioni che erano state congelate con lo storico accordo sul nucleare del luglio 2015, fortemente voluto da Barack Obama e firmato anche da Europa, Russia e Cina. Un colpo di spugna, dunque, su tutto il lavoro diplomatico e politico svolto negli anni scorsi per rompere l’isolamento di Teheran e fermare le sue ambizioni atomiche. Ma per Donald Trump, che nel maggio scorso ha ritirato gli Usa da quell’intesa anche a costo di rompere con gli alleati, l’Iran è tornato ad essere uno ‘stato canaglià. E la linea della ‘tolleranza zerò andrà avanti fino a che – sostiene la Casa Bianca – la repubblica islamica non smetterà di sostenere il terrorismo, di destabilizzare la regione mediorientale (vedi la Siria e lo Yemen) e di andare avanti con i suoi programmi nucleare e missilistico. Tutti fatti più volte smentiti da Teheran e contestati soprattutto da Bruxelles e dalle principali capitali europee. Ma il presidente americano tira dritto per la sua strada dando l’ok a misure restrittive che riguarderanno in particolare i settori dell’energia, della finanza, del trasporto marittimo e della cantieristica. La lista degli otto Paesi esenti sarà comunicata lunedì, ma il segretario di stato Mike Pompeo e quello al tesoro Steve Mnuchin hanno già detto che non ci sarà l’Europa, anche se l’Italia potrebbe fare eccezione. «Le esenzioni sono state decise solo perchè questi Paesi hanno dimostrato di impegnarsi per tagliare drasticamente le loro importazioni di greggio dall’Iran», ha spiegato Pompeo. Si allunga intanto la ‘black list’ degli individui e delle entità colpite da misure punitive, con l’ingresso di oltre 700 soggetti, tra cui compagnie di navigazione ed aree. Nella lista nera anche banche ed esportatori di petrolio.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.