Europa

Anche l’Italia aderisce alla Blockchain Partnership Initiative

Blockchain Partnership Initiative
Blockchain Partnership Initiative

Il Ministro Di Maio firma l’adesione dell’Italia alla Blockchain Partnership Initiative europea per lo sviluppo economico del settore del blockchain.

L’Italia punta sulle tecnologie emergenti ed in Europa porteremo la nostra visione assicurando il mantenimento del carattere decentralizzato della Blockchain e le eccellenze italiane che operano con questa tecnologia in vari ambiti dai servizi pubblici alla tutela del Made in Italy. Il futuro inizia ora!”. Così il vicepremier Luigi Di Maio a Bruxelles. “Lo scopo principale della collaborazione tra gli Stati membri – aggiunge il vicepremier – sarà lo scambio di esperienze e competenze in campo tecnico e normativo, soprattutto al fine di promuovere la fiducia degli utenti e la protezione dei dati personali, aiutare a creare nuove opportunità di business e stabilire nuove aree di leadership dell’Ue a beneficio dei cittadini, dei servizi pubblici e delle aziende. A livello regolamentare si tenderà alla creazione di un ambiente flessibile, che rispetti le leggi dell’Unione Europea attraverso chiari modelli amministrativi”. “Ad oggi la Commissione europea ha investito oltre 80 milioni di euro in progetti legati al Blockchain e circa 300 milioni di euro sono previsti per lo sviluppo della tecnologia entro il 2020. A febbraio di quest’anno la Commissione ha lanciato inoltre il ‘Blockchain Observatory and Forum’, che rappresenta uno degli archivi più completi sulla blockchain a livello globale. La tecnologia blockchain sta già entrando nella vita quotidiana di cittadini e imprese, solo per citare alcuni esempi, nella gestione dello scambio di energia, della logistica, la tutela dei dati personali, sanitari e della proprietà intellettuale, sicurezza dei registri pubblici come catasto o anagrafe”. 

“Le tecnologie emergenti come l’intelligenza artificiale e la blockchain sono destinate a cambiare radicalmente le nostre vite, la società nella quale viviamo e il tessuto economico e produttivo del Paese. Dobbiamo decidere da che parte stare: se continuare a seguire i processi di sviluppo che si realizzano a livello globale o essere parte del cambiamento provando a governare questi processi con delle strategie nazionali ben delineate, che valorizzino le eccellenze che, anche nel settore della tecnologia, abbiamo nel nostro Paese”, ha dichiarato il Ministro Luigi Di Maio, che nella giornata di ieri ha formalizzato l’adesione dell’Italia alla Blockchain Partnership Initiative promossa dall’Unione europea, da cui il nostro Paese era inspiegabilmente rimasto fuori.Dopo l’adesione dell’Italia alla partnership, il MISE dovrà adottare una Strategia Nazionale per le DLT e la blockchain, da elaborare avvalendosi di un Gruppo di esperti che approfondisca policy e strumenti sui diversi temi connessi allo sviluppo e all’adozione di tecnologie DLT e blockchain, soffermandosi in particolare su obiettivi ben precisi:- individuare iniziative private già esistenti a livello nazionale, monitorarle e analizzarne gli sviluppi e le ricadute socio-economiche;- individuare use case relativi all’utilizzo delle DLT nel settore pubblico al fine di promuoverne la diffusione;- individuare buone prassi elaborando strumenti per diffonderne l’applicazione;- approfondire le condizioni necessarie per promuovere la ricerca, lo sviluppo, l’impiego, l’adozione ed il mantenimento del carattere decentralizzato delle DLT e in particolare della blockchain in modo da incrementarne e accelerarne la diffusione nei servizi pubblici e privati;- elaborare gli strumenti necessari per creare e favorire le condizioni economiche, politiche e regolatorie affinché cittadinie imprese, in particolare PMI e start-up, possano beneficiare del potenziale rappresentato dalle funzionalità di queste tecnologie;- elaborare strumenti tecnici e normativi volti a diffondere l’applicazione degli smart contract.La Strategia Nazionale Blockchain, una volta elaborata, sarà poi sottoposta a consultazione pubblica.I soggetti interessati a presentare la propria candidatura possono consultare l’avviso per la manifestazione di interesse e il format per la presentazione della domanda, che andrà inviata entro il 28 ottobre 2018.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.