Governo

Tria scavalca la sua maggioranza

Giovanni Tria finisce nuovamente sotto accusa. Il Movimento 5 Stelle è irritato per la decisione del ministro dell’Economia di procedere a una nomina molto importante senza consultarsi con i partiti di maggioranza.

Giovanni Tria ha indicato Domenico Fanizza per l’executive board del Fondo Monetario Internazionale, al posto di Alessandro Leipold. Quest’ultimo era stato nominato dal Governo di Paolo Gentiloni a settembre del 2017, al posto di Carlo Cottarelli. In passato anche Pier Carlo Padoan ha ricoperto quell’incarico.

Non è in discussione l’adeguatezza di Fanizza, ma il metodo. I vertici del Movimento hanno scoperto per caso della decisione presa, perché, un altro dei Paesi che saranno rappresentati da Fanizza – oltre all’Italia, anche Portogallo, Grecia, San Marino, Albania e Malta – ha protestato con il Governo per non essere stato consultato.

Si tratta di un ulteriore elemento di frizione fra M5S e Tria, ultimamente accentuati per le trattative sulla legge di bilancio. Tra l’altro Tria non ha ancora assegnato le deleghe nel Ministero, in particolare alla vice ministro Laura Castelli. Il Governo e il Tesoro hanno sempre smentito imminenti dimissioni di Tria, ma i rapporti rischiano di essere ulteriormente incrinati dal caso Fanizza.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.